More

    Mezzo milione di case possono avere energia pulita con i fondi europei Next Generation

    Il governo delle Canarie aspetta solo il decreto dello Stato per prendere la chiamata per la riabilitazione verde.

    Mezzo milione di case nelle isole Canarie possono essere oggetto di fondi europei Next Generation per la riabilitazione verde di queste proprietà.

    Le isole Canarie sono ancora in attesa del decreto statale che deve definire le modalità di distribuzione delle risorse inquadrate nel Piano di recupero e resilienza per la ristrutturazione di edifici legati soprattutto all’efficienza energetica.

    Le isole Canarie riceveranno 136 milioni di euro da questi fondi europei, di cui otterranno inizialmente 52,8 milioni di euro per ristrutturare edifici e spazi urbani, che coinvolgeranno progetti per il patrimonio edilizio pubblico della Comunità Autonoma e Comuni, così come il bando per gli aiuti alle comunità di proprietari o case individuali per la conversione sostenibile delle loro proprietà.

    La legislazione attuale richiede che tutte le case o i locali, sia di nuova costruzione che esistenti, finché questi ultimi sono venduti o affittati, abbiano il certificato energetico, anche se attualmente questo requisito non viene solitamente soddisfatto.

    Il presidente dell’Associazione dei datori di lavoro costruttori e sviluppatori della provincia di Las Palmas, Salud Gil, spiega che sta lavorando con la Comunità Autonoma e i comuni perché l’aiuto “arriverà a ondate” e dovrebbe essere gestito da rendite fino al 2023.


    Il governo delle Canarie sta accelerando nei suoi progetti e nella preparazione della chiamata per le comunità di proprietari in modo che il decreto reale inizi con le basi a gestire questi fondi europei rapidamente, dice il direttore dell’Istituto per l’alloggio delle Canarie, Maribel Santana.

    Questi aiuti per i proprietari saranno molto interessanti perché oltre alla percentuale di sovvenzione che possono ottenere per la riabilitazione per l’efficienza energetica potranno avere detrazioni fiscali fino a raggiungere il 100% del costo.

    Secondo Salud Gil, questi fondi arriveranno tutti insieme e con poco tempo per gestirli.

    Le comunità di proprietari devono fare domanda di aiuto e “sarà complicato”, dice, ed è per questo che si stanno già ungendo i macchinari per informare e consigliare le comunità in modo efficiente e rapido affinché le risorse raggiungano il massimo numero di persone e tutti gli euro siano spesi.

    Bruxelles è molto esigente e vigile sul rispetto delle scadenze.

    Il fondo europeo di recupero mette le amministrazioni spagnole nella posizione di dover gestire un’enorme quantità di denaro in un periodo di tempo relativamente breve: dalla metà di quest’anno, quando il decreto statale dovrebbe uscire, fino alla fine del 2023.

    Una delle voci principali, la riabilitazione degli edifici, premierà quelle comunità autonome che dimostrano una maggiore efficienza nell’attuazione dei loro rispettivi programmi.

    Ogni sei mesi, i progressi dei programmi di riabilitazione di ogni regione saranno rivisti, e per il secondo trasferimento monetario, per esempio, sarà richiesto che almeno il 50% del primo sia stato eseguito.

    Questo permetterà di monitorare l’andamento della spesa.

    Nelle isole Canarie ci sono 1.050.000 case e il 50% ha più di 40 anni, cioè “mezzo milione di case potrebbe essere soggetto a questa sovvenzione”, sottolinea Salud Gil.

    Gli imprenditori edili hanno un accordo che permette crediti con il 100% di finanziamento per le comunità di residenti attraverso la banca Deutsche Bank, “con prestiti al 5% e potranno essere pagati in 10 anni in modo che le rate siano molto piccole”.

    L’efficienza energetica include gli involucri degli edifici, le vetrate termiche, i pannelli solari e l’accessibilità.

    La riforma degli edifici nelle isole Canarie è molto bassa.

    Il primo trimestre di quest’anno ci sono stati solo 96 richieste di permesso che è il 17% in più dell’anno precedente.

    “È chiaro che è necessario promuovere in modo decisivo la riabilitazione degli alloggi e ora c’è un’opportunità con i fondi europei”, dice Gil.

    Franco Leonardi

     

    Articoli correlati