More

    Il CEST chiede di semplificare il sistema di rimborso IGIC ai turisti

    È una misura molto importante per aiutare le imprese nelle zone turistiche ad alleviare gli effetti economici della pandemia.

    Il Circolo dei Professionisti e degli Imprenditori del Sud di Tenerife (CEST) ha portato al Governo delle Canarie la richiesta di procedere alla semplificazione del sistema di rimborso dell’Imposta Generale Indiretta delle Canarie (IGIC) ai turisti.

    Una delle giustificazioni di questa richiesta è che serve come incentivo per rilanciare il settore turistico e commerciale dell’arcipelago.

    Anup Aswani Shyam, uno dei membri del consiglio di amministrazione di CEST, ha tenuto una riunione con il direttore dell’Agenzia Fiscale delle Canarie (ATC), Raquel Peligero, nel corso della quale ha sollevato la necessità di non ritardare “un giorno di più” la realizzazione e l’applicazione di un sistema adeguato negli aeroporti delle Canarie, secondo le informazioni fornite da questo gruppo imprenditoriale.

    Dal loro punto di vista, “questa è una misura molto importante per aiutare le imprese nelle zone turistiche per alleviare, in parte, gli effetti economici della pandemia”, ha detto Aswani.

    Infatti, il Circolo dei Professionisti e Imprenditori del Sud di Tenerife ha ricordato che l’attuale Regime Economico e Fiscale delle Isole Canarie (REF) stabilisce il diritto al rimborso di IGIC a qualsiasi cliente non residente nelle Isole.


    “I visitatori extracomunitari sono obbligati a presentare all’ufficio delle imposte delle Canarie solo la prova della partenza dalle isole, mentre quelli dell’UE devono presentare la prova della tassazione nel proprio paese”, ha detto Anup Aswani, che ha insistito per rendere queste procedure “il più semplice possibile” per incoraggiare il consumo da parte dei turisti extracomunitari.

    Secondo i calcoli dell’associazione multisettoriale, l’importo del rimborso è calcolato applicando lo 0,7% sull’IGIC, una cifra che significa che un turista potrebbe risparmiare il 10,5% su articoli tassati al 15%, come nel caso di profumi, orologi, gioielli, bevande alcoliche come liquori e vini e sigari.

    E nel caso di abbigliamento, elettronica, occhiali da sole e souvenir, risparmierebbero il 5% sul 7% IGIC che si applica.

    “I turisti devono ottenere la loro carta d’imbarco, andare in un altro edificio doganale per far timbrare la loro domanda, tornare al terminal d’imbarco e inviare questa carta timbrata attraverso il loro ufficio postale di casa al rivenditore che ha venduto loro l’articolo.

    Una burocrazia inutile che dissuade i visitatori dal fare grandi acquisti”, hanno concluso.

    Franco Leonardi

     

    Articoli correlati