More

    Produzioni cinematografiche internazionali nelle isole Canarie, in grave pericolo

    Il virus sta colpendo significativamente tutti i settori e il cinema non fa eccezione.

    Fino a 2.500 milioni potrebbero essere persi per l’industria cinematografica spagnola a causa della pandemia.

    Tuttavia, dopo mesi di reclusione, il settore audiovisivo ha cominciato a prendere velocità.

    Solo a Tenerife, durante il 2020 questa industria ha generato 13,2 milioni di euro e ci sono state 76 produzioni audiovisive completate e 11 già iniziate e in corso, secondo il rapporto annuale della Tenerife Film Commission (TFC), il marchio di Tenerife Turismo che ha lo scopo di promuovere l’isola come scenario per le produzioni audiovisive.

    Tuttavia, tutto questo potrebbe essere perso e non a causa della crisi sanitaria, ma a causa di un nuovo emendamento alla legge che riguarda gli incentivi fiscali per le produzioni audiovisive internazionali e che mette la Penisola in una posizione migliore dell’arcipelago.

    Fondamentalmente, ora, a causa di questo nuovo criterio introdotto nel maggio 2020, è più redditizio per una produzione internazionale girare nella Penisola che nelle Isole Canarie, poiché l’importo massimo che il Tesoro può restituire per le sue spese è maggiore nel territorio nazionale.


    Un esempio: se una produzione spende 40 milioni di euro, nelle isole Canarie, il massimo che può essere restituito per quella somma è 5,4 milioni, ma se gira nella penisola può essere restituito fino a 10 milioni.

    Prima di questa modifica, il limite nella Penisola era fissato a 4,5 milioni e ora è di 10 milioni, al di sopra del limite delle Canarie, che non si muove, il che va contro tutti i principi del Regime Economico e Fiscale delle Canarie (REF).

    José Ramón Barrera, socio fondatore dello studio Assap ed esperto in incentivi fiscali per il cinema nelle isole, lo spiega per capire cosa sta affrontando il settore audiovisivo delle Canarie.

    “Una produzione internazionale viene a girare alle Canarie e commissiona a una compagnia regionale l’esecuzione di una parte del film.

    Quella parte ha un budget di un importo X.

    Ad alcune parti di questo bilancio si applica una percentuale di incentivo fiscale, che per le Canarie è fissata a: 50% primo milione, il resto 45%.

    Immaginate che questo importo di spesa sia di 10 milioni di euro e che questi siano validi per l’incentivo fiscale (perché ci sono spese che non sono valide, come le spese amministrative, per esempio).

    Al primo milione applico, come abbiamo detto prima, il 50%; quindi abbiamo 500.000; e ai restanti 9 milioni applico il 45%, cioè circa 4 milioni.

    Avete già 4,5 milioni.

    L’impresa presenta l’Imposta sulle Corporazioni e siccome questo importo è inferiore al limite fissato per le Canarie, che è di 5,4 milioni, non c’è nessun problema, l’impresa riceve i suoi 4,5 milioni”

    (Se si presenta un’Imposta sulle Corporazioni superiore a 5,4 milioni, le verrà pagato solo un massimo di 5,4 milioni).

    Fin qui tutto normale, cosa succede ora?

    Che per la Penisola questo tetto di spesa che era fissato a 4,5 milioni è ora esteso a 10 milioni e, nel caso delle Isole Canarie, rimane a 5,4 milioni.

    “Nonostante il fatto che nel territorio nazionale la percentuale applicata alle spese è più bassa; stiamo parlando del 30% per il primo milione, e del 25% per il resto.

    Le isole Canarie hanno il 50%-45% a causa del nostro REF, che non è stato preso in considerazione quando si applica l’importo massimo di ritorno”, spiega Barrera.

    Con questa modifica del limite di spesa nella Penisola, qualsiasi studio che stia pensando di fare un film in Spagna sceglierà il territorio nazionale, poiché ha un limite di rimborso più alto, rispetto ai 5,4 milioni delle Isole.

    “Non siamo più in competizione con gli incentivi fiscali di Malta o dell’Italia o di altri territori, ma con la terraferma, che è uno svantaggio comparativo”, ha detto Barrera.

    Insomma, “a livello giuridico, oggi, c’è un incentivo per la Penisola e un altro per le Canarie, essendo quello del territorio nazionale molto più potente di quello delle Isole, anche se il nostro REF non dovrebbe essere così”.

    Secondo il regime economico e fiscale, il massimale nelle isole Canarie, se nella penisola è fissato a 10 milioni, dovrebbe essere fissato a 18 milioni di euro.

    Infatti, secondo Juan Cano, Ceo e produttore esecutivo di Surfilm, ci sono già produzioni che stanno andando nella penisola.

    “Ci è voluto molto tempo per ottenere una reputazione e la fiducia delle piattaforme internazionali.

    Ci sono molte aziende che sono state create qui in considerazione del fatto che le riprese stavano aumentando, generando economia e occupazione nel settore.

    Abbiamo visto come, durante la pandemia, molti hotel sono rimasti aperti e con i loro dipendenti attivi grazie alle produzioni audiovisive.

    “Il buon paesaggio e il buon clima si possono trovare in molti posti.

    Quello che le Canarie avevano era, appunto, un incentivo fiscale molto potente rispetto ad altri territori.

    Ora la concorrenza diretta è la penisola stessa”, ha detto Barrera.

    Il settore audiovisivo ha portato tutto questo all’attenzione del governo delle Canarie, che è consapevole di ciò che sta accadendo, per chiedere al governo centrale di aggiornare il limite degli incentivi per le produzioni cinematografiche internazionali nelle Isole Canarie per adattarsi al REF ed evitare quello che sta accadendo ora.

    Ma è che, a tutto questo, in aggiunta, dobbiamo aggiungere un altro problema che sta generando un’enorme incertezza giuridica che sta causando produzioni internazionali e scartato, completamente, alle isole Canarie come territorio per le riprese.

    Ad oggi, le produzioni internazionali nelle isole hanno lasciato una media di 50 milioni di euro e ognuna di esse assume tra i 250 e i 300 dipendenti locali, anche se ci sono grandi produzioni che possono arrivare fino a 700 assunzioni.

    “Tutto questo si perde con i nuovi criteri e lo svantaggio comparativo che abbiamo con la legge”, ha insistito Barrera.

    Insomma, le Canarie non solo sono messe peggio rispetto al continente quando si tratta di riprese internazionali, ma le continue reinterpretazioni del governo centrale generano incertezza giuridica nelle produzioni che fanno sì che le Canarie non siano più il set cinematografico sognato.

    Franco Leonardi

     

    Articoli correlati