La limitazione del passaggio ai veicoli pesanti ha lasciato i vicini in una situazione insolita con i viaggi in autobus che passano attraverso La Laguna per lasciare o entrare nel Massiccio di Anaga.

Dall’interscambio degli autobus a Santa Cruz parte un autobus diretto a Taganana.

Ha solo dieci posti.

Questo è il numero massimo di passeggeri che può trasportare se vuole passare sul ponte di Taganana, situato a San Andrés, che è chiuso dalla scorsa settimana ai veicoli di più di 3,5 tonnellate, e che include gli autobus.

L’autobus parte già pieno dall’Interscambio, quindi non farà fermate sulla strada per Anaga per raccogliere i passeggeri.

Se non si vuole aspettare, quattro volte al giorno c’è (alle 6.10, 13.30, 14.40 e 17.30) un autobus più grande parte da Intercambiador per Taganana, ma il suo percorso è attraverso La Laguna.


Attraverso Las Mercedes, il che significa che un viaggio di 40 minuti diventa un’ora e mezza per tornare a casa.

Anche questo autobus non fa fermate, bisogna prenderlo all’Intercambiador.

Questa è la raccomandazione che Titsa ha fatto alla gente del posto, di andare alla stazione degli autobus, indipendentemente da dove si trovano a Santa Cruz per tornare ai paesi del nord di Anaga.

Questo porta a paradossi come qualcuno che va dal pediatra nella Casa del Mar, per tornare al suo paesino in Anaga, deve prendere un autobus per l’interscambio da lì, a sua volta, prendere un altro per tornare a casa.

Lasciare Taganana per Santa Cruz non è molto meglio.

Anche prima di arrivare a San Andres, e a seconda dell’ora, l’autobus è già pieno, il che significa che molte persone di percorsi intermedi hanno grandi difficoltà se vogliono arrivare in tempo dal medico, al lavoro, o ai vari appuntamenti a Santa Cruz.

Una residente di Almáciga che lavora nel Suculum e che finora prendeva l’autobus 946 o 947, lo lasciava a San Andrés e da lì prendeva quello che sale a Igueste per arrivare al suo lavoro alle otto del mattino.

Ora se l’autobus è pieno, non ha modo di arrivare a San Andrés.

Le sue opzioni sono alzarsi alle cinque del mattino per prendere l’autobus che passa per La Laguna, arrivare all’Interscambio, e da lì un altro autobus che ritorna a San Andres per raggiungere il Suculum.

Come lei, centinaia di residenti che hanno visto come non solo il ponte è chiuso ai veicoli pesanti, ma anche stanno soffrendo quello che considerano un “abbandono” da parte del Consiglio comunale, che non ha dato loro informazioni.

Dalla caduta delle macerie si rammaricano che nessuno sia andato a spiegare cosa si farà, a cosa si sta lavorando, quanto durerà questa soluzione provvisoria.

Ringraziano Titsa per lo sforzo che stanno facendo, che è quello in contatto diretto con i vicini, ma non capiscono che il Comune non è quello che sta dando spiegazioni, offrendo soluzioni come il taxi condiviso, o su richiesta, o anche il noleggio di più autobus, visto che ce ne sono solo due in funzione.

“Siamo stati lasciati soli e senza alcuna comunicazione da parte del Consiglio Comunale”, si lamenta.

Per alcuni, lo stato del quasi secolare ponte di Taganana è la rappresentazione di come si sentono gli abitanti di Anaga, abbandonati e quasi in rovina.

Questo è quello che pensa Luján González, presidente dell’Associazione dei vicini La Voz del Valle, Taganana.

“Quello che mi chiedo è come siamo arrivati qui.

Se un anno fa i tecnici avevano già considerato che era necessario limitare il passaggio dei veicoli sul ponte con l’installazione di semafori, non so cosa hanno fatto in tutto questo tempo perché non accadesse quello che alla fine è successo”.

“Ci hanno riportato improvvisamente agli anni ’70, quando prendere un autobus per entrare o uscire da Taganana era una vera odissea”.

Lo stesso presidente di La Voz del Valle è uno di quelli colpiti.

Racconta come l’autobus attraverso Las Mercedes, oltre al lungo viaggio, “lo fa attraverso una strada più stretta e in cui passano molte auto”.

Bisogna considerare che parte da Santa Cruz, passa per Las Mercedes, La Cruz del Carmen e infine Taganana.

È quasi un’ora e mezza, rispetto ai 40 minuti del solito percorso”.

Ricorda che il ponte è l’unico ingresso ai paesi del nord di Anaga.

“Molte persone vivono qui, e noi non siamo stati presi in considerazione”, si lamenta.

“Cose come questa sono quelle che fanno sì che la gente lasci Anaga, è deplorevole”, aggiunge.

Altri residenti della zona ricordano che non è solo Taganana, altri punti come Chamorga, Punta de Anaga o Las Cumbrillas sono costretti ad andare a Santa Cruz, via La Laguna, per tornare a San Andrés, “una sciocchezza”, si lamentano.

Questo è accoppiato con il lavoro che si sta facendo sulla strada per Almáciga.

“Siamo incoraggiati a lasciare la macchina e prendere l’autobus per andare nelle zone di Roque de las Bodegas o Almáciga, e ora guarda cosa succede agli autobus, è una vergogna quello che stanno facendo con Anaga”, dicono altri residenti, che non dimenticano la chiusura totale dell’Avenida Pedro Schwartz a San Andrés.

Aggiungono che “quello che è successo con il ponte di Taganana ha avuto un forte impatto su Anaga, perché è diventato un simbolo di abbandono.

È nelle mani del Comune da 20 anni, e già nel 2018 è stata richiesta la sua sistemazione e ad oggi…”.

Bina Bianchini