Gli agricoltori di Tenerife gettano 30 tonnellate di verdure nella spazzatura ogni settimana per mancanza di domanda.

L’arresto dell’attività turistica ha causato un eccesso di produzione di frutta e verdura sull’isola.

L’associazione di agricoltori e allevatori delle Isole Canarie (Asaga Canarias ASAJA) ha stimato al 65 per cento le perdite delle aziende di frutta e verdura nel sud dell’isola di Tenerife a causa della pandemia, così questo gruppo reclama al governo regionale di includerli nella distribuzione di aiuti per salvare le PMI.

A questo proposito, il presidente di Asaga, Ángela Delgado, ha sottolineato che un’iniezione economica “è l’unico modo per tenerli in vita fino a quando la normalità sarà recuperata”, perché altrimenti “il buco della disoccupazione non solo sarà maggiore, ma il tessuto produttivo delle isole richiederà tempo per recuperare o potrà essere perso per sempre”.

Queste aziende sono specializzate nella commercializzazione di cetrioli, zucchine, zucca, peperoni, pomodori e melanzane e hanno le proprie infrastrutture per produrre o sono fornite da produttori locali, come riportato da Asaga.

Inoltre, sottolineano che molte di queste imprese hanno attualmente parte della loro forza lavoro in ERTE o disoccupati a causa dell’impossibilità di continuare a mantenere tutti i lavoratori.


“Non è il momento di discriminare alcuni settori a favore di altri perché le isole Canarie, data la nostra forte dipendenza dal turismo, sono la regione peggiore a tutti i livelli, anche se l’attività agricola è stata e rimane essenziale come fornitore di alimenti freschi”, ha aggiunto.

Inoltre, ha indicato che le aziende colpite hanno chiesto un incontro urgente con il ministro dell’agricoltura del governo delle Canarie, Alicia Vanoostende, per affrontare questo problema.

Anche se stanno cercando di inserire le loro produzioni attraverso altri canali come supermercati, fruttivendoli e bar, le quantità fornite “non sono paragonabili a quelle destinate all’industria dell’ospitalità”, oltre a indicare che a volte trovano che “non c’è un impegno costante per il prodotto locale”.

Senza vendite, molti imprenditori del settore hanno optato per donare le loro produzioni deperibili a enti sociali e, quando non c’è domanda, finiscono per buttare via la frutta e la verdura o per distruggerla nell’azienda stessa.

Marco Bortolan