More

    Il Cabildo smette di fornire il servizio di trasporto a domanda ‘tuwawa’

    È stato presentato come un’esperienza pilota da sviluppare per tre mesi, prima, a Fasnia e Arico.

    Alla fine era in vigore dal 3 febbraio fino a venerdì 20 maggio scorso.

    I comuni beneficiari si aspettavano la continuità di questo servizio di trasporto su richiesta in autobus, visti i benefici che porta ai residenti delle zone più remote nella regione più depressa e dispersa dell’isola, nel sud-est.

    In linea con “i numerosi reclami” che hanno mosso gli utenti e i gruppi del comune, Sebastián Martín, sindaco di Arico, esorta il Cabildo a “essere coraggioso” e mantenere questo servizio “che ha dimostrato di essere assolutamente necessario”.

    Egli spiega che “soddisfa un grande bisogno” della popolazione di 22 nuclei sparsi nella geografia del secondo comune più grande dell’isola.

    “È stato essenziale per l’accesso dei residenti ai servizi di base e per garantire la comunicazione tra i quartieri”.

    Pertanto, in risposta alla posizione degli interessati, le richieste e le esigenze di mantenere il servizio di trasporto su richiesta con l’autobus.

    Adattato alle persone con mobilità ridotta, tuwawa, il nome dato dal Cabildo a questa iniziativa, mira a portare i residenti in case o zone remote alla fermata dell’autobus più vicina, utilizzando veicoli Titsa più piccoli, adattati alle strade della zona.


    Tra una settimana e mezz’ora prima, l’utente residente in una striscia senza servizio poteva prenotare il viaggio alla fermata dell’autobus più vicina e ritorno.

    Questo viene fatto attraverso l’applicazione tuwawa.

    Il pagamento dei viaggi si fa solo con la tessera Ten+, sia nella sua versione borsellino (1,15 euro) che con i pass a tempo, cioè Abono Joven, Bono Residente Canario, ecc.

    Il prezzo del servizio è valido per i trasferimenti con il resto delle linee Titsa, applicando lo sconto di 1,05 euro sul viaggio successivo.

    Queste erano le condizioni alle quali il Cabildo forniva il servizio.

    L’assessore alla mobilità del Cabildo di Tenerife e presidente di Titsa, Enrique Arriaga, dice che il “progetto pilota” si è concluso con “un grande successo di domanda, con più di 4.200 passeggeri e una valutazione di 4,9 su 5”.

    Il vicepresidente insulare assicura che stanno analizzando le informazioni ottenute per incorporarlo alla gara, “in cui stiamo lavorando e che presenteremo all’informazione pubblica nei prossimi mesi”.

    Confidando nel “riavvio del trasporto su richiesta dopo l’estate”, Arriaga annuncia che l’obiettivo è quello di estendere il servizio a tutta l’isola gradualmente in 18 mesi.

    Stabilite 10 aree geografiche, il servizio inizierà quando si saranno aggiudicati i fornitori di trasporto su richiesta.

    Per fare questo, “dobbiamo incorporare i tassisti in ciascuna delle aree, in modo che siano loro  a fornire questa prestazione e quindi essere incorporati nella rete di trasporto pubblico dell’isola” spiega il capo della mobilità.

    Damián Pérez, sindaco di Fasnia, è d’accordo con il suo omologo di Ariquero, informando che tuwawa “è stato un successo e crediamo che sia una buona soluzione per il trasporto in comuni sparsi e con scarsa offerta nella periodicità e regolarità del trasporto esistente”.

    In questa esperienza pilota è stata l’azienda pubblica del Cabildo a fornire il servizio.

    “La gara d’appalto dirà se sarà la Titsa o un’altra azienda a portarla a termine.

    Speriamo che continui”, riflette il consigliere.

    Franco Leonardi

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati