I lavoratori che nel 2020 sono stati colpiti da un piano di licenziamento temporaneo (ERTE) dovrebbero prendere in considerazione alcune particolarità al momento di presentare la loro dichiarazione dei redditi 2020, la cui campagna inizia il prossimo 7 aprile.

Il fatto di avere più di un pagatore, i possibili errori commessi dal Servizio Pubblico Statale di Impiego (SEPE) nel pagamento delle prestazioni o le ritenute applicate possono avere conseguenze importanti nella dichiarazione.

Questi sono alcuni dei punti chiave.

PERCHÉ LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI È DIVERSA PER COLORO CHE SONO IN DISOCCUPAZIONE?

Perché i lavoratori che sono in ERTE hanno ricevuto un beneficio dalla SEPE, in modo che nel 2020 hanno avuto due pagatori (la loro azienda e la SEPE) ai fini fiscali.

La situazione fiscale è uguale a quella di qualsiasi lavoratore che ha avuto più di un pagatore, è quindi ben diversa da prima.


COSA SIGNIFICA AVERE DUE PAGATORI?

La soglia per la presentazione della dichiarazione dei redditi è più bassa.

Quando il contribuente ha un solo pagatore, è obbligato a presentare la dichiarazione dei redditi solo se il suo reddito nell’anno supera i 22.000 euro, anche se può presentarla volontariamente se è inferiore a questo importo.

Quando il contribuente ha più di un pagatore, è obbligato a presentare una dichiarazione dei redditi se ha pagato più di 14.000 euro, a meno che i pagamenti di tutti i pagatori dal secondo pagatore in poi non raggiungano solo i 1.500 euro.

Questo perché alcuni pagatori non conoscono i pagamenti e le ritenute degli altri, per cui è necessario regolare la tassazione.

DEVO PAGARE DI PIÙ SE HO DUE PAGANTI CHE SE NE HO UNO?

La tassazione è la stessa, poiché dipende dal reddito ottenuto e non dal numero di paganti.

Quindi, il risultato della dichiarazione dei redditi sarà lo stesso degli altri anni?

Dipende dalle trattenute che sono state fatte.

Normalmente, quando un dipendente ha un solo datore di lavoro, il datore di lavoro applica le ritenute in base al suo reddito.

Tuttavia, se ha più di un pagatore, nessuno sa quale sia il reddito totale, quindi le ritenute potrebbero essere eccessive o insufficienti e questo dovrà essere regolato nella liquidazione dell’IRPF.

Nel caso delle persone colpite da ERTE, se le prestazioni che hanno ricevuto sono piccole, è probabile che la SEPE non abbia quasi applicato le ritenute, per cui dovranno pagare le imposte in sospeso con la dichiarazione.

E LE DEDUZIONI?

Le detrazioni familiari – per famiglie numerose, ascendenti o discendenti a carico con disabilità o famiglie monoparentali con due figli che non ricevono una rendita per il mantenimento – non sono interessate, poiché sono legate all’iscrizione alla previdenza sociale o al ricevimento di prestazioni.

Tuttavia, l’indennità di maternità, che viene versata alle donne con figli di età inferiore ai tre anni, è legata allo sviluppo di un’attività come dipendente o lavoratore autonomo, per cui se viene interrotta da un ERTE o dalla cessazione dell’attività, non ci sono più i requisiti per applicarla.

COSA SUCCEDE SE CI SONO ERRORI NEI PAGAMENTI SEPE?

Questa è una delle principali preoccupazioni di molti gruppi e anche il Mediatore (Defensor del Pueblo) ha avvertito della situazione eccezionale in cui si trovano i lavoratori che hanno ricevuto prestazioni per un ERTE superiore al loro diritto.

Secondo i tecnici del Tesoro (Gestha), se la SEPE ha chiesto il rimborso degli importi indebitamente pagati e sono stati restituiti nel 2020, i dati fiscali dovrebbero essere corretti e riflettere il reddito effettivo.

D’altra parte, se la SEPE ha chiesto il rimborso e il rimborso è stato fatto nel 2021, è possibile che il progetto non includa l’adeguamento.

In questi casi, il contribuente dovrebbe modificare il progetto per registrare gli importi effettivi raccolti, una volta che il rimborso è stato dedotto.

Infine, nei casi in cui il SEPE non ha ancora richiesto il rimborso al momento della presentazione della dichiarazione, il contribuente deve dichiarare il reddito totale ricevuto.

Successivamente, una volta che il SEPE richiede il rimborso e il rimborso viene effettuato, il contribuente può presentare una richiesta di rettifica dell’autovalutazione per correggere la dichiarazione e, eventualmente, recuperare gli importi sovratassati.

SONO PREVISTI CAMBIAMENTI NELLA TASSAZIONE DI QUESTO GRUPPO DI PERSONE?

No.

Il ministro delle Finanze, María Jesús Montero, ha insistito che il regolamento dell’IRPF non è cambiato e che tutti i contribuenti pagheranno “secondo quanto hanno ricevuto, non un euro in più o in meno”.

COSA RACCOMANDANO GLI ESPERTI?

Gli esperti raccomandano di rivedere tutti i dati prima di confermare la cartella IRPF, specialmente quelli relativi agli importi ricevuti dalla SEPE e ai possibili rimborsi.

Marco Bortolan