Pene più severe per gli abusi sugli animali, con un massimo di tre anni di carcere, è la proposta presentata dalla Direzione generale per i diritti degli animali in risposta alla richiesta della società di “un cambiamento nel senso di impunità per i maltrattatori”.

La riforma del Codice penale e del Codice civile sono “gli assi fondamentali” della strategia dell’agenzia, insieme all’approvazione di una legge quadro statale per la protezione degli animali, come ha spiegato Garcia Torres in un’intervista.

La proposta di un progetto di riforma della legge organica del codice penale, che deve essere elaborato dal Ministero della Giustizia, “è vitale” dopo i recenti “casi mediatici” di morte animale con accanimento.

“La crudeltà e l’eccesso di violenza devono essere puniti con una pena detentiva”, chiedendo che il procedimento sia “accelerato”.

Inoltre, la direzione generale propone una riforma del Codice civile per considerare gli animali come “esseri dotati di sensibilità”, dato che, in questo momento, la norma “differenzia solo le persone e le cose, per questo chiediamo una terza differenziazione”, spiega il capo del dipartimento.

La legge sulla protezione degli animali – attualmente in fase di lavoro tecnico per i gruppi – mira ad essere “un quadro comune”, e si concentrerà su un meccanismo unico e unitario di identificazione degli animali in tutta la Spagna, “un DNI per gli animali che è essenziale per combattere l’abbandono”, che riguarda tra 100.000 e 200.000 animali domestici ogni anno in Spagna.


Inoltre, il direttore generale dei diritti degli animali sottolinea che questa norma è importante per la salute pubblica, poiché stabilirà e unificherà le vaccinazioni e le esigenze sanitarie su tutto il territorio, il che è indispensabile considerando che in Spagna “ci sono circa dieci milioni di cani e gatti”.

Finora, “l’amministrazione centrale non aveva sollevato la necessità di una regola di questo tipo e le autonomie hanno seguito i propri regolamenti”, il che è un problema perché sono così diversi.

Anche l’abrogazione della legge 50/99 sugli animali potenzialmente pericolosi sarà inclusa nella futura legge. “Dopo 21 anni ha dimostrato di non essere preventiva e inoltre discrimina alcune razze sulla base della loro morfologia”, sostiene García Torres.

In questo caso, propongono una valutazione del comportamento dell’animale e facilitano un processo per migliorarlo, poiché “non va condannato quando ci sono meccanismi scientifici che gli permettono di smettere di essere ‘potenzialmente pericoloso’, un concetto che, inoltre, elimineremo, perché non riflette la realtà”, spiega.

Per quanto riguarda gli animali selvatici, la legge mira a stabilire un trattamento e una cura con criteri unificati a livello statale per le colonie di gatti selvatici, oltre a stabilire un meccanismo di salute pubblica, che include la sterilizzazione.

Inoltre, la legge includerà e disciplinerà l’uso degli animali nelle feste, come il combattimento tra galli, che è ancora permesso in due comunità autonome (Andalusia e Isole Canarie), e che sarà proibito.

Per “porre fine alle aziende agricole che non rispettano la protezione degli animali, la salute pubblica o la decenza”, stanno lavorando con “allevatori etici” per regolamentare l’allevamento e mirano a rendere più severe le norme sul trasporto degli animali da compagnia, “soprattutto quelli in vendita” e provenienti da altri paesi europei.

Per quanto riguarda gli spettacoli di tauromachia, “con nostro grande rammarico, essi sono protetti come patrimonio culturale, quindi per avviare qualsiasi regolamentazione, la tauromachia dovrebbe cessare di essere blindata, cosa che la società civile organizzata deve realizzare”, assicura García Torres.

Marco Bortolan