I funzionari statali potranno telelavorare quattro giorni alla settimana per occuparsi dei bambini e delle persone a carico.

La risoluzione entrerà in vigore non appena sarà raggiunta la nuova normalità, a partire dal 21 giugno.

I dipendenti pubblici dell’Amministrazione Generale dello Stato potranno usufruire di quattro giorni di telelavoro e di un giorno per la cura dei minori di 14 anni e delle persone a carico a seguito dell’accordo raggiunto tra il sindacato CSIF e il Ministero delle Politiche Territoriali e della Funzione Pubblica.

La risoluzione entrerà in vigore dal momento in cui la nuova normalità sarà raggiunta, dal 21 giugno, quando lo stato di allarme cesserà, fino alla fine della crisi sanitaria causata dalla Covid-19, secondo il sindacato, che ha specificato che si tratta di una modalità “volontaria e reversibile”.

Il CSIF ha sottolineato che si tratta di un accordo “pionieristico” nell’organizzazione del lavoro in Spagna, così come nella conciliazione della vita familiare e lavorativa, che continuerà nella futura regolamentazione del telelavoro, che inizierà ad essere negoziata a luglio con il team del Ministro delle Politiche Territoriali e della Funzione Pubblica, Carolina Darias.

In particolare, la presente delibera prevede quattro giorni di non presenza e un giorno di presenza per chi ha figli a carico fino a 14 anni e per chi ha patologie considerate a rischio a causa del contatto con il coronavirus.


Per il resto della popolazione, il sistema di lavoro ordinario sarà la modalità di presenza con la possibilità volontaria, almeno un giorno alla settimana, di telelavoro.

dalla Redazione