L’incidenza bassa del virus nelle isole fa si che ci sia  poca immunità

Il numero di residenti nella provincia di Tenerife è il doppio di quello di Las Palmas nella creazione di anticorpi contro Covid-19.

La bassa incidenza del virus nelle Isole ha relegato le Isole Canarie alla coda dell’immunità al covid19 in tutta la Spagna.

Covid-19 non ha colpito le Isole Canarie come il resto della Penisola e questa situazione le ha permesso di aprire la mano per decontaminare la popolazione un po’ prima e ha permesso ai centri ospedalieri di essere meno saturi.

Tuttavia, ciò ha anche fatto sì che le Canarie siano ora tra gli spagnoli più vulnerabili all’arrivo di una nuova ondata.

I primi dati dello studio sulla sieroprevalenza, iniziato alla fine di aprile in tutta la Spagna, indicano che le Isole Canarie sono una delle comunità in cui la percentuale più bassa della popolazione ha sviluppato anticorpi specifici contro la SARS-CoV-2.


In totale, il Ministero della Salute ha prelevato campioni da 6.301 persone (0,3% della popolazione) durante la prima ondata di questa indagine siero-epidemiologica sull’infezione da SARS-CoV-2 nelle Isole, lanciata dal Ministero della Salute in collaborazione con l’Istituto Sanitario Carlos III e l’Istituto Nazionale di Statistica (INE).

Questi dati mostrano che questa percentuale è salita al 2,1% nella provincia di Santa Cruz de Tenerife, mentre nella provincia di Las Pamas è stata dell’1,4%.

Così, entrambe le province sono tra le percentuali più basse di tutta la Spagna.

Nella mappa della sieroprevalenza, presentata ieri in una conferenza stampa dal ministro della Salute, Salvador Illa, e dal ministro della Scienza, Pedro Duque, si può notare che in tutta la Spagna la creazione di anticorpi ha raggiunto una media del 5%.

Nel frattempo, alcune delle regioni più colpite dal virus, come Madrid, Cuenca, Soria o Guadalajara, hanno acquisito un’immunità nella loro popolazione di oltre il 10%.

“Non c’è protezione di gregge”.

I risultati mostrano una chiara conclusione: sia a livello statale che regionale, noi spagnoli siamo ben lungi dall’aver acquisito l’immunità di gruppo. L’immunità del gregge si ottiene quando il 70% della popolazione ha acquisito anticorpi contro una patologia, che normalmente si ottiene con la vaccinazione di massa.

Risultati provvisori. Questi risultati sono provvisori, corrispondono ai test rapidi effettuati dal 27 aprile scorso a 60.983 persone del campione nazionale.

Non includono gli altri 3.234 campioni prelevati nello studio specifico dell’isola, che si sta realizzando a Fuerteventura, Lanzarote, La Gomera, El Hierro, La Palma, Formentera, Minorca, e un ulteriore campionamento a Ibiza.

Uno studio in tre fasi.

Questo studio è orientato ad essere realizzato in tre fasi. In questa prima fase sono stati prelevati dei campioni dai partecipanti nei centri sanitari e nelle loro case, mediante test rapidi ed estrazione di sangue.

Tuttavia, i risultati presentati non includono le informazioni di questo secondo tipo di test, che misura gli anticorpi mediante immunodosaggio, poiché i risultati non sono disponibili per tutte le comunità autonome.

Nelle ondate successive sarà possibile conoscere l’evoluzione della prevalenza e i cambiamenti osservati nel tempo nei partecipanti.

Fase 2 dello studio nelle Isole Canarie.

Ieri è stato ripreso il lavoro alle Isole Canarie ed è stata lanciata la seconda tornata di telefonate per continuare a contattare le famiglie canarie selezionate.

Il Ministero della Salute sperava di aumentare questa percentuale in questa seconda tornata, per la quale ha incoraggiato i cittadini che ricevono la chiamata dal suo staff a partecipare allo studio data l’importanza dei risultati ottenuti per affrontare le future decisioni sul progressivo ritorno alla normalità dopo il confinamento e lo stato di allarme.

dalla Redazione