Immagine da www.fotosantiguascanarias.org

L’acqua del fiume Naciente o Aguamansa nella valle del Taoro divenne un elemento decisivo per l’origine di La Orotava.

Ha favorito lo sviluppo economico e sociale della nuova città nel corso della sua storia, consentendo l’espansione di diverse piantagioni agricole con una varietà di colture: canna da zucchero, vite, banana, destinata all’economia delle esportazioni o cereali e patate per il mercato locale.

Nella valle di Orotava nel XVI secolo, l’acqua era energia e motore di numerosi impianti industriali che, nel corso dei secoli e con la tecnologia dell’epoca, furono impiantati sulle pendici della Villa.

Una segheria, mulini, zuccherifici, due centrali idroelettriche sono state attivate, quindi, con il loro slancio.

Tra le prime industrie stabilite nell’Orotava è necessario evidenziare una segheria idraulica.

Le foreste vicine sono state opportunamente trattate e utilizzate principalmente come elementi nell’architettura civile, religiosa e industriale.


La segheria è stata installata all’ingresso di La Orotava sul lato sud.

Attualmente sussiste il Camino de La Sierra, che ci ricorda la sua posizione.

La sega idraulica che appariva ancora in uso nel 17° secolo a La Orotava, conservata nell’archivio Simancas, è scomparsa come elemento in uso alla fine del XVIII secolo.

La struttura e la composizione della sega idraulica furono probabilmente simili a quelle dei modelli applicati in Europa nel Medioevo.

Nelle segherie lavoravano sia persone libere, che affittavano le montagne a ricchi proprietari della località o dall’estero, che schiavi, in molti casi appartenenti ad altri gruppi etnici ma con conoscenza specializzata, ci sono menzioni di “seghe Morisco” o “segherie nere”.

L’installazione di un’opera di questo tipo richiedeva l’investimento di ingenti somme di denaro – si ritiene che la creazione di una segheria all’inizio del XVI secolo potesse essere oltre 100.000 maravedíes – e, quindi, il contratto di locazione era il sistema più utilizzato per il suo sfruttamento.

L’intenso lavoro fatto con il legno è stato di particolare importanza durante questo periodo che si estende nel corso dei secoli XVI, XVII e XVIII, oltre a testimoniare i copiosi segni che rimangono ancora nelle numerose costruzioni religiose, dove è possibile apprezzare la ricchezza del suo artigianato, la diversità dei tipi di porte o finestre, le pale d’altare o i balconi che ornano le costruzioni civili.

Tutto ciò finirebbe per dare carattere all’architettura vernacolare.

Il lavoro di falegnameria e artigianato del legno nell’Orotava diventerebbe così, nel corso dei secoli, un’autentica manifestazione artistica di ampia fama nelle Isole Canarie.

I boschi delle foreste della zona venivano usati per costruire cassette in cui veniva esportato lo zucchero, doghe per le botti che immagazzinavano la malvasia, naos per la pesca, mobili e materiali per la costruzione di case o terrazze alte e basse, o da usare come legna da ardere.

Questo uso intenso ha causato l’abbattimento brutale delle foreste, nonostante le restrizioni stabilite dal Cabildo de Tenerife per difendere l’importanza degli alberi nella raccolta dell’acqua.

Era vietato tagliarli in prossimità delle molle ed esportare il legno.

Come spesso accade le regole non sono state rispettate perché gli interessi in gioco erano molteplici: in questo caso particolare perché c’era un importante commercio per rifornire i mulini di Las Palmas, dai quali lo stesso Cabildo ha ottenuto buoni fondi per sviluppare i suoi progetti.

La ricchezza ottenuta dall’esportazione di zucchero o vino ha permesso, in seguito, l’acquisizione e l’ingresso di altri legni stranieri dall’Europa o dall’America.

Il pinabete, la quercia, il pinsapo, l’ebano, costituirebbero il principale legno importato che, molte volte, è arrivato bene, già fabbricato, sotto forma di opere d’arte e mobili o come base per il lavoro degli artigiani della carpenteria. È vero che la sega idraulica dell’Orotava ha contribuito, sin dall’inizio del XVI secolo, a creare la città e sviluppare le sue industrie del legname, ma ha anche favorito, insieme a quelle esistenti altrove, il rapido esaurimento delle risorse forestali.

L’impatto di queste azioni ha finito per essere molto negativo per il suolo, la vegetazione e il clima dell’area.

La profondità di questo deterioramento sarebbe stata rivelata, tragicamente, durante la terribile tempesta che ha devastato la valle nella notte del 27 novembre 1826.

Le enormi piogge e le terre si trascinarono verso il mare a causa della mancanza del mantello vegetale e del boschetto che li tratteneva, causando la più grande calamità verificatasi a La Orotava, nella quale 118 persone morirono, accompagnata da un sostanziale danno materiale sotto forma di crolli di case e la perdita di bestiame di tutti i tipi che si trascinava nelle acque che circolavano attraverso i burroni e i corsi d’acqua finivano in mare. L’equilibrio ecologico era stato rotto e la natura aveva trovato più facile imporre il suo potere.

Le notizie sull’attività della segheria scompaiono fino ai primi decenni del XX secolo, con l’arrivo delle innovazioni della Seconda Rivoluzione industriale, a La Orotava è nata la necessità di espandere la produzione di energia nel primo “Servizio idroelettrico” per favorire lo sviluppo industriale.

Indicava la possibilità di installare una segheria che, spostata dall’elettricità prodotta da tale impianto, consentiva di fabbricare huacales per l’esportazione di banane verso i mercati dell’Inghilterra e del resto d’Europa.

Sembrava un tentativo di far riaffiorare la vecchia segheria, questa volta si mosse da un’altra energia ma il tentativo non prosperò.

Maria Elisa Ursino