La Fondazione, che quest’anno festeggia il suo 25° anniversario, ha aggiunto il parrocchetto petto grigio alla lista di specie che è riuscito a salvare dall’estinzione con il suo lavoro ‘in situ’ ed ‘ex situ.      

                                                                                                                                  Quest’anno, nell’ambito della celebrazione del suo 25° anniversario, Loro Parque Fundación è riuscita ad aggiungere alla sua lista di specie salvate dall’estinzione il parrocchetto brasiliano dal petto grigio (Pyrrhura griseipectus).

Con questo successo, la Fondazione festeggia di aver impedito la scomparsa di dieci specie di pappagalli grazie alla sua lunga opera di protezione e conservazione in situ ed ex situ.

Il parrocchetto dal petto grigio, originario delle montagne della Baturité, era minacciato dal bracconaggio per il mercato degli animali domestici e dalla mancanza di siti di nidificazione adatti.

Tuttavia, l’alleanza tra Loro Parque Fundación e l’organizzazione AQUASIS ha dato impulso al lavoro del rinomato biologo Fabio Nunes e del suo team nella zona, dove sono riusciti a contare più di 1.000 cuccioli nati in nidi artificiali.

Questo incredibile risultato ha a che fare proprio con il posizionamento di questi nidi e il loro monitoraggio a partire dal 2010, nonostante le difficoltà incontrate durante il processo, come la protezione dai predatori.


Uno dei modi per osservare e comprendere le abitudini di questa specie, poco conosciuta in passato, è stata la presenza attiva sul campo, che ha permesso di ottenere una grande quantità di informazioni scientifiche molto importanti anche per altri progetti di caratteristiche simili.

Inoltre, il lavoro di marcatura è stato fondamentale, perché ci permette di ottenere dati sul movimento e sulla distribuzione dei pappagallini – attraverso il loro inanellamento -, che sono in grado di nascondersi molto bene tra la vegetazione.

In questo processo è stata fondamentale anche la creazione di aree protette riconosciute dalla popolazione locale.

D’ora in poi, inizia una nuova fase per la specie, in cui un programma ex situ lavorerà per la sua reintroduzione in alcuni luoghi storici da cui è scomparsa.

In questo senso, è rilevante il fatto che, nella sola Loro Parque Fundación, negli ultimi anni sono nati più di 60 esemplari.

In totale la Fondazione ha stanziato, da quando ha iniziato a collaborare a questo progetto, circa 400.000 dollari per la protezione del Parrocchetto dal petto grigio.

Il numero di pappagallini è passato da circa 100 a 1.000 nel 2019, e le specie sono passate da “Critically Endangered” a “Endangered” nella Lista rossa delle specie minacciate dell’IUCN.

Oggi, la Fondazione ha già speso più di 21 milioni di dollari per sostenere progetti di conservazione, e il cambio di categoria per molte di queste dieci specie è un successo globale di conservazione che rende questa organizzazione no-profit la più efficace nel preservare gli ecosistemi tropicali attraverso la protezione dei pappagalli.

Bina Bianchini