L’anno bisestile è da sempre un evento carico di suggestioni, circondato da un’aura di mistero. L’anno bisestile ha una storia antichissima, risale addirittura all’epoca romana e in particolare a Giulio Cesare.

L’anno solare, che è il tempo impiegato dalla Terra a percorrere la sua orbita intorno al Sole.

La Terra non impiega esattamente 365 giorni, ma 365 giorni, 5 ore e 48 secondi per fare il suo giro e di conseguenza ogni anno si accumulano quasi 6 ore di “avanzo”.

Se non ci fosse l’anno bisestile a rimettere a posto le cose, lentamente ma inesorabilmente ci ritroveremmo a veder slittare stagioni intere.

Nel 1582 Papa Gregorio XIII corresse gli ulteriori problemi legati alla differenza tra anno civile e anno solare con l’introduzione del calendario gregoriano, che è quello che usiamo anche oggi.

Di conseguenza si mantenne l’idea generale che ogni quattro anni ci sarebbe stato un anno bisestile.


Quando si parla di nascere in un anno bisestile, generalmente ci riferisce a chi è nato e festeggia il compleanno il 29 febbraio.

Naturalmente non si celebra il compleanno ogni quattro anni, ma si sceglie se spegnere le candeline il 28 febbraio o il 1° marzo.

L’anno bisestile porta sfortuna? 

“Anno bisesto, anno funesto”, dice il detto, ma è davvero così?

E’ praticamente inutile sottolineare che una simile tesi non ha alcuna base scientifica, ma è solo una questione legata alla superstizione e al fatto che i cambiamenti di routine, anche piccoli, figuriamoci un anno con un giorno in più, portano sempre qualche squilibrio e, in generale, un atteggiamento sospettoso.

Il 2020 è un anno bisestile.

L’anno bisestile è da sempre un evento carico di suggestioni, circondato da un’aura di mistero.

Il calcolo dell’anno bisesto è molto semplice: basta considerare le ultime due cifre di ciascun anno e verificare se sono divisibili per 4.

Oggi si vogliono superare queste antiche superstizioni, e salutare il 29 Febbraio come un giorno in più sul calendario per fare qualcosa di bello.

Anno bisesto tutte le donne senza sesto.

Anno che bisesta non si sposa e non s’innesta.

Se l’anno è bisestile, riempi il sacco e il barile.

Il 29 Febbraio rimette le lancette al loro posto.

Anno bisesto tutte le cose van di traverso.

Anno bi-sestile chi piange e chi stride.

Anno bisesto che passi presto.

Bina Bianchini