Il Governo delle Isole Canarie propone la creazione di centri di accoglienza per i migranti che non possono essere rimpatriati.

L’esecutivo sostiene iniziative quali la promozione del rimpatrio dei migranti, la cura dei minori non accompagnati e la creazione di luoghi di rifugio per coloro che non possono essere rimpatriati.

Si ritiene urgente la creazione di centri di accoglienza per i migranti che non possono essere rimpatriati, come avvenuto a Ceuta e Melilla, affinché non rimangano in strada.

Sebbene la Comunità autonoma non abbia competenze in materia di controllo delle frontiere, deve aiutare l’Unione europea e l’amministrazione generale dello Stato e richiedere il rafforzamento delle politiche di prevenzione per impedire la partenza degli immigrati irregolari dai paesi di origine.

Il sistema di sorveglianza esterna (SIVE) di Lanzarote non sembra la soluzione all’immigrazione irregolare, ma in Africa ci sono governi democratici e solvibili che approfittano dei milioni che l’Europa dà loro.


Alla data del 14 novembre erano arrivati sulle coste delle Canarie 1.493 immigrati irregolari, di cui 240 minori, contro i 1.223 registrati l’anno scorso, e si contano circa 15 morti per annegamento.

Un deputato chiede al governo spagnolo di far funzionare efficacemente il SIVE di Costa Teguise poiché è uno strumento che salva vite umane.

Ha anche sostenuto lo smantellamento dell’ICE nell’Arcipelago perché ritiene siano un’aberrazione che risponde ad una politica migratoria razzista e ipocrita.

Per il Gruppo Misto, Ricardo Fernández de la Puente ha chiesto al governo spagnolo più mezzi per poter fornire maggiore assistenza ai migranti irregolari che arrivano nell’Arcipelago, nonché più agenti per il controllo delle frontiere.

La deputata Melodie Mendoza, dell’ASG, ha convenuto sulla necessità di sollecitare lo Stato a fornire alle Isole Canarie maggiori mezzi per occuparsi di queste persone e, inoltre, ha chiesto di farsi promotori in Europa di una politica migratoria comune che non criminalizzi i migranti.

Il membro di Podemos Francisco Déniz ha accusato l’Europa di aver portato guerra e sterminio in Africa, mentre la popolare Astrid Pérez ha sottolineato che il governo ha la responsabilità di prevenire la morte di persone in mare o sulle coste canarie attraverso l’attuazione del SIVE.

Oswaldo Betancort, del Grupo Nacionalista Canario, ha affermato che parlare del SIVE di Costa Teguise è farlo con rabbia e incomprensione.

Il socialista Manuel Martínez ha sottolineato che la soluzione al problema dei migranti è nel dare a queste persone opportunità nei loro paesi di origine e controllare la crescita della popolazione affinché lo sviluppo possa raggiungere questi territori.

Nel suo secondo intervento, Julio Pérez ha voluto chiarire che il SIVE ha permesso di ridurre del 50% gli arrivi di migranti irregolari sulle coste spagnole del Mediterraneo, e ha avvertito i partiti di opposizione che se il SIVE non funziona a Costa Teguise e le mafie passano da lì, ne entreranno ancora di più.

Per quanto riguarda il CIE, ha chiarito che la loro funzione è quella di trattenere per 40 giorni i migranti irregolari che non possono entrare in prigione, tuttavia, ha sottolineato che il problema non è il CIE, ma il fatto che la maggior parte dei migranti irregolari che arrivano sulle coste canarie non possono essere rimpatriati.

Michele Zanin