La mensa sociale La Buena Estrella – Foto eldigitalsur

L’unico centro di pernottamento e mensa sociale del Sud che assiste circa 45 utenti al giorno è stato sede di un’assemblea sull’emergenza economica che lo ha colpito.

La mensa sociale La Buena Estrella de El Fraile (Arona), l’unica presente nel sud di Tenerife, che offre ospitalità nei casi di emergenza, avrebbe i giorni contati dopo 5 anni di indispensabile presenza sul territorio.

La preoccupante situazione è stata resa nota dalla direttrice del centro Solange Diaz de Las Casas che ha definito una vera emergenza economica quella che questa importante risorsa sociale sta vivendo.

Un centro che accoglie utenti anche dal resto dell’isola, come a volte accade per i pazienti dimessi dall’Ospedale della Candelaria che non sanno dove altro andare.

Secondo la fondatrice del centro, di fronte alla mancanza di fondi, non si può escludere la cessazione delle attività, una misura estrema che lascerebbe per strada, senza nessun tipo di assistenza, più di 45 persone alle quali ora vengono forniti un pasto e un alloggio.

Nei giorni scorsi l’Associazione Mensa Sociale La Buena Estrella ha convocato un’assemblea nei locali della mensa per protestare per la pessima e iniqua situazione.


Uno stato di cose dovuto alla mancanza di sensibilità e di capacità di gestione tecnica e politica.

Durante l’assemblea è stato letto un documento in cui si annunciava la chiusura imminente del centro se non fossero arrivati urgentemente dei fondi.

La direttrice ha dichiarato che non sarebbe mai voluta arrivare a questo punto, ma la mancanza di risposte da parte dell’Ayuntamiento di Arona l’ha portata a prendere questa posizione che intende tutelare soprattutto gli utenti.

La direttrice ha ricordato che la sovvenzione annuale di 20 mila euro che il Consistorio di Arona elargisce, per il 2018 è stata pagata il 2 dicembre e benché sia cosciente che nella società attuale non tutti hanno le medesime priorità, è critica sul fatto che siano stati dati generosi finanziamenti al Carnevale o alle feste turistiche.

Non perde la speranza Solange Diaz e continua a lottare per salvare la mensa sociale e dare un posto per dormire ai 45 utenti de La Buena Estrella.

Claudia Di Tomassi