More

    È iniziata la campagna elettorale 2023 delle Canarie

    È iniziata la campagna elettorale: elezioni comunali e regionali nel maggio 2023 ed elezioni generali a dicembre.

    Solo con la smania elettorale che stanno dimostrando, dovremmo avere elezioni annuali per far sì che loro facciano caso a noi.

    La situazione politica deriva da quella nazionale, condizionata dall’Europa e dalla globalizzazione.

    Questo non ci impedisce di offrire una risposta a livello locale.

    Il governo regionale è oggi sostenuto da una coalizione di sinistra composta da quattro forze. PSOE (25), Nueva Canarias (5), Podemos (4) e ASG (3), 37 contro i 33 dell’opposizione, di CC-PNC-AHÍ (20), PP (11) e Cs (2).

    Le Canarie hanno offerto una stabilità politica sostenuta da un tavolo a tre gambe, due nazionali e una regionale, che a geometria variabile hanno governato le Canarie.

    Ora siamo governati da una sola gamba e da forze ridotte, con un sistema elettorale che ha come punto di riferimento l’isola, ora inclinato verso la provincia orientale; un prodotto della singolarità del sistema canario dei tre equilibri.

    Una novità nelle Isole Canarie, dove non era possibile governare senza l’accordo di due delle tre gambe.

    La scomposizione del quadro politico spagnolo, con la perdita del riferimento alla nazione e all’economia, ha prodotto un effetto di dispersione dei quadri elettorali.


    Un effetto che si accentua nelle Isole Canarie, con un sistema elettorale in cui l’isola è prioritaria.

    Nessuno vince se non vendono bene sulla loro isola.

    Non dovrebbe quindi sorprenderci vedere le reazioni alla sopravvivenza nei media.

    Il caso di El Hierro è unico, dove una nuova forza, AE x el Hierro, guidata da David Cabrera, una scissione da AHÍ, si sta staccando dalla CC.

    A sua volta, le dimissioni di Narvay Quintero da presidente saranno assunte da Javier Armas, che si candida al Cabildo, mentre Narvay si candiderà al Parlamento.

    Entrambi sotto la tutela di Tomás Padrón, sul modello del PNV e pronti a qualsiasi patto.

    All’estremo, il modello da emulare è quello di Casimiro a La Gomera.

    A Tenerife, questo è stato replicato nella piattaforma di ascolto dei cittadini, Tenerife en Marcha.

    Quelli che identificano l’isola come la più svantaggiata nel bilancio degli investimenti a livello regionale e nazionale.

    Un argomento che nessuna delle altre forze politiche rappresentate sull’isola ignora.

    Il gioco delle disuguaglianze imita le slealtà nazionali, che danno la precedenza al ribelle e hanno portato allo scontro di tutti in un gioco a somma negativa.

    Si basa su una società civile carente e clientelare, che privilegia la propria posizione di parte rispetto a quella del cittadino.

    Il modello Casimiro non è improvvisato, poiché è stato costruito in un lungo periodo di tempo e con il sostegno dei consigli locali e della società civile.

    Giulio Andreotti (1919-2013), sette volte primo ministro italiano, disse della politica spagnola che manca “di stile, di tatto e di sottigliezza”, contrariamente alla grandezza della classe politica manca finezza.

    Ciò richiederebbe una maggiore attenzione alla soluzione dei problemi di tutti.

    Nelle Canarie, come in Spagna, la scelta è tra puntare sul sistema interamente sovvenzionato o su chi preferisce la libertà imprenditoriale.

    Le Isole Canarie sono un’economia di “accelerazione e frenata”, quando le cose vanno male peggiorano e quando migliorano accelerano.

    Un’economia dipendente dalla Spagna e dall’UE, obbligata a consolidare un modello economico basato su un regime economico e fiscale stabile e a lungo termine, che ci garantisca la certezza del diritto nel tempo.

    Nel frattempo, dobbiamo gestire il terremoto elettorale, con i partiti concentrati sulle loro tribù, sul marketing e sulla sopravvivenza.

    Bina Bianchini

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati