More

    Il caso del El Puertito de Adeje

    Foto di Chas

    Mentre un gruppo di ambientalisti cerca di impedire la costruzione di un complesso alberghiero, l’area rimane una città senza legge, con baraccopoli, bancali e vecchie roulotte.

    Tempo fa, circa mezzo secolo fa, da Fañabé ad Armeñime c’erano piantagioni di pomodori e banane, e tra La Caleta e Alcalá si potevano pescare le vongole.

    Prima è arrivato il turismo sanitario a Los Cristianos, poi Santiago Puig (padre e figlio) ha creato Playa de Las Américas e così si è diffuso il turismo di massa, sostituendo le fattorie e le serre prima con grandi edifici, poi con bungalow sulle colline e negli ultimi anni con grandi hotel a cinque stelle, da Arona a Santiago del Teide, il tutto creando spiagge artificiali sulla costa.

    Allora non contavano né i coleotteri né i cebadales, né l’onda sinistra per i surfisti a El Camisón, né la presenza di siti archeologici guanches.

    Erano tempi diversi e tutti abbracciavano il progresso del sud attraverso la nuova industria che cominciava a imporsi negli anni Sessanta lungo tutta la costa spagnola.

    Ora, con cifre che superano i quindici milioni di turisti all’anno nelle Isole Canarie, più di cinque milioni solo a Tenerife, ci chiediamo se il nostro territorio sia in grado di continuare a crescere in posti letto turistici, se ci sia ancora la capacità di continuare a crescere.

    E tutto questo in un contesto di consapevolezza ambientale che è aumentata notevolmente in questo secolo, il che ha significato anche un inasprimento della DIA (Dichiarazione di Impatto Ambientale) che ha lasciato senza effetto, almeno per il momento, progetti come il complesso alberghiero di Punta de Abona o il porto di Fonsalía.

    Tuttavia, è sorprendente che questi stessi ambientalisti non esprimano il loro rifiuto nei confronti della proliferazione lungo la costa, in alcuni casi anche in aree naturali protette, di abitazioni di scarsa qualità costruite con baracche, pallet o vecchie roulotte, sia su terreni privati che pubblici, su colline, in mezzo a barrancos o proprio sulle spiagge, come è successo ad Arico, Granadilla, Arona o Adeje.


    È paradossale che quegli stessi ecologisti che ora si accampano per impedire la costruzione del macroprogetto Cuna del Alma non dicano una sola parola su tutte quelle costruzioni abusive che si possono vedere dall’inizio della strada fino alla spiaggia di El Puertito de Adeje.

    Un degrado del territorio di cui non si è sentito parlare da chi si oppone a un complesso alberghiero che, legge alla mano, ha ricevuto tutte le benedizioni dal 2018 per costruire ville e appartamenti su 400.000 metri quadrati, con l’obbligo di urbanizzare l’area, anche mantenendo le 22 abitazioni attualmente esistenti in quel nucleo costiero tra La Caleta e Callao Salvaje.

    Non sorprende quindi che la maggioranza dei residenti sia favorevole alla Cuna del Alma – l’87% secondo il Comune – anche se alcuni di quelli che si dicono contrari sono alla ricerca di più soldi, come i proprietari di un vecchio magazzino di pomodori proprio all’ingresso della spiaggia che impedisce loro di vedere tutta la bellezza della spiaggia.

    Manuel Luis Méndez, assessore all’urbanistica, a proposito del progetto Cuna del Alma, sottolinea che “il Governo delle Canarie e il Cabildo lo hanno detto, non ci sono ragioni legali per fermare il progetto”.

    Il dossier è stato realizzato nel rispetto di tutte le procedure, è in corso da più di 8 anni ed è stato supervisionato e controllato da diverse agenzie e funzionari pubblici.

    Il Comune di Adeje ha il dovere e l’obbligo di tutelare la legalità e le norme vigenti.

    Questo progetto ha superato tutti i filtri, non solo del Comune ma anche delle altre amministrazioni coinvolte, quindi non possiamo agire in modo capriccioso o irresponsabile senza tenere conto di queste circostanze”.

    E sull’accampamento di ecologisti che sta cercando di paralizzare i lavori, chiede “calma e tranquillità alle persone che sono contrarie al progetto”.

    Non possiamo perdere il rispetto o agire in modo sproporzionato o violento contro la proprietà privata o contro il diritto al lavoro.

    Viviamo in uno Stato di diritto e chiunque non sia d’accordo con qualcosa ha a disposizione canali democratici e legali per esprimere la propria opinione e ribaltare la situazione”.

    L’unica voce dissenziente sul progetto Cuna del Alma nel Municipio di Adeje è rappresentata da Gabriel González, consigliere di Podemos, che ha chiesto le dimissioni di Manuel Luis Méndez, dopo aver appreso dell’apertura di un procedimento disciplinare da parte della Direzione Generale del Patrimonio Culturale per un importo di 600.000 euro.

    Per Gonzalez si tratta di una situazione molto grave che “si vedeva arrivare da tempo”, poiché il comune di Adeje non dispone degli strumenti di protezione che la legislazione richiede per svilupparsi.

    Franco Leonardi

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati