Granadilla avrà uno dei più grandi sollevatori di navi al mondo

Foto di puertosdetenerife.org
Foto di puertosdetenerife.org

Il meccanismo consentirà di spostare le navi dall’acqua per ripararle in un bacino di carenaggio.

Tenerife Shipyards sta creando un grande cantiere per navi Panamax con otto corsie di scalo e una capacità di sollevamento di 20.000 tonnellate.

La società Tenerife Shipyards sta progettando di installare nel porto di Granadilla uno dei più grandi elevatori per navi del mondo, il cui meccanismo consentirà di porre le navi nei bacini di carenaggio per ripararle.

Se c’è una cosa che la pandemia ha chiarito è che le Isole Canarie non devono mettere tutte le mele in un unico cesto e che devono optare per altri modelli economici, oltre al turismo, per contribuire alla loro crescita economica.

Non c’è bisogno di ricordare l’azzeramento del turismo e la sofferenza di migliaia di famiglie canarie che sono state danneggiate dal rallentamento dell’afflusso turistico, con le aziende chiuse a tempo indeterminato e una massa di lavoratori costretti a rimanere a casa.

Per contribuire a riequilibrare e completare il modello economico di Tenerife e, quindi, delle Isole Canarie, l’impresa Tenerife Shipyards, che da alcuni anni ha sede nel Porto di Santa Cruz de Tenerife, sta ottenendo l’approvazione dell’Autorità Portuale per un progetto che sarà decisivo per riattivare l’economia del sud dell’isola.

Si tratta di un’iniziativa che, secondo il suo Direttore dello Sviluppo Strategico, Mario Suárez, “servirà da ombrello non solo per la creazione di posti di lavoro diretti, ma anche di una rete di aziende che accoglieranno i futuri professionisti”.

Il progetto in questione consiste nella creazione di un cantiere di riparazione navale nel porto di Granadilla.


“Quella che era iniziata come un’idea vaga, si è evoluta nell’intenzione di mettere un bacino galleggiante nel Porto di Granadilla per effettuare riparazioni navali nel sud-est dell’Isola, e da lì si è sviluppata l’idea di implementare un grande cantiere di riparazioni che coprirà le esigenze dei servizi di questa categoria”, ha spiegato.

“Stiamo parlando di un cantiere di grandi dimensioni, con un sincrolift di carenaggio per navi Panamax di 230 x 42 metri, con una capacità di sollevamento di 20.000 tonnellate e otto corsie di carenaggio”, ha sottolineato Suárez.

“Le strutture avranno anche un duplice uso, in quanto il loro progetto combina la riparazione navale con l’uso per la costruzione di strutture galleggianti necessarie per l’implementazione dell’energia eolica offshore, come i galleggianti per le turbine eoliche, così come altri tipi di strutture di grandi dimensioni, che possono sia galleggiare nel porto di Granadilla che tornare al bacino di carenaggio per la riparazione”, ha detto.

Suárez ha insistito sul fatto che questo progetto, in attesa solo della lavorazione finale, significherà la creazione di numerosi posti di lavoro diretti e la nascita di una rete di aziende di supporto necessarie affinché tutti i macchinari di produzione e i servizi dei progetti rimangano attivi.

“La soluzione per la diversificazione economica di cui l’isola ha tanto bisogno sta per diventare realtà” e spera che il progetto “non incontri l’opposizione amministrativa e ci permetta di riattivare economicamente la zona sud di Tenerife in modo che non dipenda solo dall’industria turistica”.

L’azienda, con capitale 100% canario, è attualmente una delle poche imprese in grado di generare occupazione locale e attività economica nella regione con il più alto tasso di disoccupazione della Spagna, sviluppando l’industria portuale.

Tenerife Shipyards è un’azienda del Gruppo Hidramar situata nel porto di Santa Cruz de Tenerife.

Offre servizi e assistenza tecnica al settore navale, concentrandosi sul rispetto delle scadenze e sulla riduzione dei tempi di fermo.

L’azienda ha come motto una politica di zero infortuni sul lavoro e persegue, come afferma, la massima qualità nel suo lavoro, attraverso una forza lavoro altamente qualificata.

Con una forte presenza in Africa e nel Mar Mediterraneo, i Cantieri Navali di Tenerife selezionano i fornitori locali per rispondere rapidamente alle esigenze dei clienti.

Ugo Marchiotto