More

    Santa Cruz decide di spostare il Carnevale a giugno

    Il sindaco, José Manuel Bermúdez, informa i gruppi del cambiamento delle date del festival a causa dell’aumento del numero di contagi causati dalla sesta ondata.

    Altre città lo hanno già fatto, come Valencia con le sue Fallas o Cadice con il suo Carnevale.

    Ora è il turno di Santa Cruz de Tenerife, che ha deciso di spostare il Carnevale a giugno.

    Si tratta di una decisione senza precedenti per il festival per eccellenza della capitale di Santa Cruz de Tenerife. Le date che il Consiglio Comunale sta considerando per questo Carnevale atipico sono dal 4 al 26 giugno.

    Come ha spiegato Bermúdez, questa decisione è stata presa in considerazione dell’attuale livello di contagio causato dalla sesta ondata e l’impossibilità di passare dalle attuali restrizioni di livello 4 ad altre che permettano la ripresa delle prove, o il montaggio del palco, che avrebbe dovuto iniziare a metà gennaio.

    “Abbiamo iniziato a pianificare il Carnevale più di due mesi fa, quando la variante omicron non esisteva, e in tutto questo tempo abbiamo scoperto i cambiamenti nello stesso momento del resto della popolazione, senza margine per pianificare qualsiasi decisione in anticipo”, ha iniziato il suo discorso Bermúdez.


    Con l’arrivo della sesta ondata, ha spiegato il sindaco, hanno dovuto prendere decisioni, sempre per garantire la sicurezza delle persone, e allo stesso tempo poter celebrare un festival in cui sono coinvolte più di 9.000 persone.

    “Nel mese di gennaio i dati ci hanno portato al livello 4, e la previsione del governo delle Canarie era che Tenerife sarebbe rimasta a questo livello fino alla fine del mese.

    Il consigliere comunale ha continuato spiegando che vista la situazione attuale “abbiamo deciso di spostare il Carnevale in una tappa con meno incertezza, che sarebbe a giugno”, aggiungendo che questa è “una decisione senza precedenti” e difende che “lo spostamento è un modo per salvare il Carnevale”.

    Da parte sua, l’assessore alle Feste, Alfonso Cabello, ha ammesso che la “finestra di opportunità” per tenere il Carnevale è il mese di giugno, se le date previste dovessero arrivare e le circostanze rimanessero quelle attuali, non ci sarebbero altre date possibili, il che costringerebbe alla sua sospensione.

    Le date che Fiestas sta considerando sono tra il 4 e il 26 giugno, ma non ci sono ancora date assegnate ai diversi eventi, qualcosa che, secondo Cabello, sarà deciso con i gruppi in incontri faccia a faccia.

    “Ci incontreremo con i gruppi per modalità e discuteremo con ognuno di loro le principali difficoltà che hanno con le nuove date”, ha detto.

    Ha anche fatto un riferimento speciale ai bambini: “Dobbiamo vedere quando è meglio per i gruppi di bambini tenere le loro gare, perché capiamo che è un mese di esami”. I designer sono anche l’altro gruppo che potrebbe essere più colpito dal trasferimento di date.

    Cabello ha continuato a sostenere che “il nostro Carnevale, con un impatto economico sulla città di più di 32 milioni di euro, deve essere valutato attentamente, poiché stiamo parlando, nella maggior parte dei casi, dell’economia di molte famiglie”.

    Da parte sua, secondo il sindaco, sarà in aprile, “dopo Pasqua”, quando sapremo veramente se le nuove date sono fattibili.

    Proprio una delle cose che le nuove date permetteranno è che i galà e le gare si svolgano nelle strade.

    Questo è stato sottolineato da Bermúdez, che ha spiegato che “la nostra intenzione è quella di creare un luogo di carnevale stabile, come abbiamo fatto con le Fiestas de Mayo, che è qualcosa in cui abbiamo esperienza”.

    I possibili siti per ospitare una tappa delle caratteristiche del Carnevale sono il parcheggio del Parque Marítimo o la spianata del molo, dove si tiene il Concerto di Natale, entrambi su terreni dell’Autorità Portuale, con cui si dovrebbero negoziare anche i permessi necessari.

    Inoltre, proprio in giugno, il quartiere fieristico ha già un suo programma, come lo svolgimento di due concerti, che renderebbe impraticabile l’allestimento del palco e gli eventi del Carnevale 2022.

    Il sindaco ha concluso il suo discorso sottolineando che l’idea, quindi, è quella di garantire almeno lo svolgimento di galà e concorsi.

     

     

    Articoli correlati