More

    “Il plasma iperimmune si sta rivelando utile per i pazienti con COVID nelle isole Canarie”

    La responsabile provinciale del dipartimento di raccolta di sangue ed emodonazione dell’ICHH , Arroyo-Vidal, spiega l’importanza della donazione nelle persone che hanno superato il covid per l’utilità del plasma iperimmune per aiutare i pazienti ricoverati.

    I donatori sono quindi invitati a prendere un appuntamento in uno dei punti di raccolta fissi o mobili in tutto l’arcipelago.

    -Come ha influito la pandemia sulle donazioni?

    “La nostra principale preoccupazione era quella di fornire un ambiente sicuro per i donatori. La nostra preoccupazione era che i donatori avrebbero smesso di venire per paura, ma con nostra sorpresa, la risposta è stata eccezionalmente buona, abbiamo cambiato le unità mobili e iniziato a lavorare in stanze fornite dai consigli locali e da altre organizzazioni, e abbiamo iniziato a usare gli appuntamenti. Ci sono stati molti cambiamenti che ci hanno fatto temere che le donazioni sarebbero crollate, ma non è stato così e alla fine del 2020 abbiamo raggiunto le stesse donazioni del 2019”.

    -C’è ancora carenza di sangue nelle isole Canarie? C’è sempre una richiesta di 300 donatori al giorno, e nonostante questo, le chiamate urgenti per A+, A- e O+ sono quasi settimanali.

    “La mancanza di sangue può paralizzare l’attività ospedaliera nelle isole, quindi facciamo sempre un appello urgente alla popolazione se vediamo che i livelli di stock mettono a rischio la domanda ospedaliera. In estate abbiamo sempre una carenza di sangue, di solito dei gruppi O+, O- e A+. Se c’è un certo numero di pazienti che consumano molto sangue con un livello medio o basso di scorte


    -Fa appello alle quasi 90.000 persone che hanno superato il COVID per donare.

    “Il plasma covid, la parte del sangue di coloro che hanno superato la malattia e hanno generato una risposta immunitaria sotto forma di anticorpi, viene utilizzato per trattare le persone che sono ricoverate. Diversi ospedali in Spagna stanno partecipando allo studio CONPLAS, tra cui l’Ospedale Universitario delle Isole Canarie (HUC) e l’Ospedale Doctor Negrín. I criteri di selezione iniziali per i donatori e i destinatari erano severi; tuttavia, data la grandezza della pandemia, molti intensivisti e pneumologi hanno visto la necessità di utilizzare questo plasma, e i risultati stanno diventando più eterogenei, poiché dipende da ogni paziente e lo stato della loro malattia. È difficile dire categoricamente che è una panacea, dovremo aspettare la pubblicazione degli studi, ma gli ospedali continuano a chiederci questo plasma, viene utilizzato e dovrebbe avere un risultato soddisfacente”.

    -Questa tecnica è stata usata prima in altri casi.

    “Il principio è molto semplice, a una persona che sta affrontando una malattia vengono dati anticorpi già creati da un altro che ci è passato prima, cioè gli si danno strumenti per combattere. Questa pratica è già stata fatta con Ebola e anche con il primo coronavirus. Le donazioni di plasma iperimmune possono essere fatte solo da persone che hanno avuto la malattia, non da coloro che sono stati vaccinati. La procedura di aferesi non è come la donazione di sangue intero, poiché un separatore di cellule centrifuga il plasma e noi restituiamo il resto al donatore in assoluta sicurezza.

     

    Articoli correlati