More

    I giovani delle isole Canarie sono tra i più vaccinati in Spagna

    L’Arcipelago supera la media nazionale di persone tra i 12 e i 29 anni immunizzate con un programma completo.

    L’ampiezza della quinta ondata della pandemia a livello regionale è stata sostenuta, soprattutto, dal maggior numero di focolai sociali rilevati rispetto alle ondate precedenti, quando le numerose restrizioni sanitarie in vigore non hanno impedito la comparsa di tanti focolai del virus come attualmente.

    Nonostante le continue immagini di botellones e feste illegali che purtroppo fanno notizia ogni settimana, la società canaria ha anche assistito all’impegno di una grande maggioranza di giovani che non hanno esitato a rispondere all’appello delle autorità sanitarie di vaccinarsi appena possibile.

    Infatti, vale la pena notare che l’Arcipelago supera la media nazionale di persone tra i 12 e i 29 anni immunizzate con un ciclo completo di vaccinazioni.

    Secondo gli ultimi dati dell’operazione di vaccinazione forniti dal Ministero della Salute spagnolo, a partire da venerdì 6 agosto, ci sono già 55.469 persone tra i 20 e i 29 anni nelle isole che sono completamente vaccinate (22%), mentre sono 156.585 (62,2%) con una dose.

    D’altra parte, nel gruppo di età 12-19 anni, 8.757 persone (4,9%) sono completamente vaccinate (4,9%) e 86.932 (48,4%) con una dose.


    Anche se queste cifre possono sembrare basse, il fatto è che le Isole Canarie superano la media nazionale sia in termini di immunizzazione completa della popolazione giovane tra i 20 e i 29 anni, stabilita al 21,3%, sia tra quella tra i 12 e i 19 anni, al 4,2%.

    Inoltre, le isole sono davanti a molte altre regioni del paese con percentuali più basse in queste categorie, come Cantabria, Castilla y León, Extremadura, Galizia e Paesi Baschi, per fare solo alcuni esempi.

    La vaccinazione dei giovani sembra essenziale in questo momento per frenare la diffusione e la virulenza della quinta ondata, ed è per questo che l’assessorato alla salute del governo regionale ha raddoppiato i suoi sforzi in campagne di sensibilizzazione per ricordare loro l’importanza di venire a farsi vaccinare quando vengono chiamati.

     

    Articoli correlati