More

    Il confino del marzo 2020 era incostituzionale e le multe potrebbero essere riviste

    La Corte Costituzionale ha dichiarato con sei voti a cinque l’incostituzionalità del confinamento generale della popolazione concordato per decreto dal governo di Pedro Sánchez nel marzo 2020, quando ha stabilito il primo stato di allarme dal Covid-19.

    Con un solo voto di differenza, il TC ha approvato il documento presentato dal magistrato Pedro González-Trevijano, che sostiene che il confinamento di tutti i cittadini nelle loro case era una vera sospensione – non una semplice limitazione – del diritto fondamentale alla circolazione.

    La sospensione di questo diritto fondamentale poteva essere fatta per mezzo di uno stato di eccezione ma non per mezzo di uno stato di allarme, che era lo strumento giuridico scelto dall’esecutivo.

    Il rapporto è andato avanti nel secondo dibattito tenuto dal tribunale sul ricorso presentato da Vox contro il primo stato di allarme, che è stato accolto in parte.

    Si sostiene, a questo proposito, che la Costituzione vieta qualsiasi punizione per atti che al momento della loro commissione non erano illegali.

    Pertanto, non sarebbe possibile mantenere le sanzioni per la violazione di una norma dichiarata incostituzionale e nulla.


    Inoltre, le sanzioni già imposte possono essere soggette a revisione.

    Nel risultato è stata decisiva la vicepresidente, Encarnación Roca, che ha propeso per l’incostituzionalità del decreto legge emesso dal governo di Pedro Sánchez.

    Roca ha aggiunto il suo voto a quello di González-Trevijano, Antonio Narváez, Santiago Martínez-Vares, Ricardo Enríquez e Alfredo Montoya, proposti dal PP.

    Il presidente, Juan José González Rivas, il magistrato Andrés Ollero, proposto dal PP, e i tre magistrati vicini al PSOE, María Luisa Balaguer, Juan Antonio Xiol e Cándido Conde-Pumpido, si sono pronunciati contro la stima parziale del ricorso.

    Il colpo all’esecutivo arriva dopo la fine dello stato d’allarme, che era stato lanciato il 9 maggio.

    Gli arresti domiciliari generali erano in vigore tra il 14 marzo e il 4 maggio 2020.

    Durante questo periodo, nessun cittadino poteva mettere piede in strada se non per sei attività specifiche specificate nell’articolo 7 del decreto reale 463/2020, un precetto che si riferisce alla Limitazione [sic] della libertà di movimento”.

    Il governo ha imposto un divieto generale di movimento a tutte le persone a meno che, individualmente, non avessero una giustificazione per lasciare le loro case per svolgere attività come comprare cibo, farmaci e beni di prima necessità; andare negli ospedali; andare a lavorare in attività essenziali o prendersi cura di anziani, minori, persone a carico e persone con disabilità o particolarmente vulnerabili.

    Anche la circolazione dei veicoli privati era proibita, tranne quando era indispensabile per svolgere le attività di cui sopra, e il ministro dell’Interno aveva il potere di chiudere le strade al traffico.

     

    Articoli correlati