More

    I canari soffrono di grave povertà dopo l’anno di covid

    Il numero di cittadini che soffrono di gravi privazioni materiali nelle isole Canarie è praticamente triplicato durante il 2020, come risultato della crisi generata dal covid-19, passando dal 3,9 al 10,7% della popolazione, secondo l’Istituto Nazionale di Statistica (INE).

    L’INE ha pubblicato questo giovedì l’indagine sulle condizioni di vita 2020, i cui risultati mostrano l’impronta lasciata dalla pandemia in tutto il paese e, in particolare, in quelle comunità più colpite nella sua economia, come le isole Canarie, a causa della sua dipendenza da settori paralizzati dal coronavirus, come il turismo.

    Le isole Canarie sono la comunità autonoma con la seconda più alta percentuale di popolazione a rischio di povertà o esclusione sociale, secondo l’indicatore Arope.

    Nelle isole, un cittadino su tre si trova in questa situazione, il 36,6%, un tasso di 10 punti superiore alla media nazionale (26,5%), superato solo dall’Estremadura, con il 38,7%.

    Rispetto al 2019, l’anno della pandemia non ha generato un grande aumento della percentuale di canari a rischio di povertà o esclusione sociale: è passata dal 35,0 al 36,3 per cento.

    Tuttavia, l’impatto della crisi può essere visto tra coloro che hanno la peggio, tra i cittadini che soffrono le difficoltà della povertà grave, che è aumentata dal 3,9 al 10,7 per cento.


    Questo è qualcosa che si è verificato anche in Spagna nel suo complesso, ma con meno intensità: in media, la popolazione con grave deprivazione materiale è passata dal 4,7% al 7,0%.

    Nelle Isole Canarie, attualmente, due cittadini su tre non possono permettersi spese impreviste (63,1 %), uno su due non può permettersi una settimana di vacanza (47,4 %) e uno su cinque è rimasto indietro nel pagamento dell’affitto, del mutuo o delle bollette di acqua, luce o gas (21,6 %).

    Inoltre, il 17,5% dei residenti dell’isola non può permettersi di mantenere la propria casa a una temperatura adeguata, il 10,5% non può permettersi un’auto, il 9,7% non può permettersi un personal computer e il 7,8% non può permettersi di mangiare carne, pollo o pesce almeno ogni due giorni.

    In tutti i casi, la percentuale di persone in queste condizioni nelle isole Canarie è aumentata rispetto al 2019 e, in alcuni casi, è direttamente raddoppiata.

     

    Articoli correlati