Il governo regionale sta mantenendo un fronte comune insieme alle Regioni ultraperiferiche del Portogallo e della Francia, agli eurodeputati e alle organizzazioni agricole per evitare una riduzione di 70 milioni di euro che “condannerebbe il futuro del settore” sia per la banana delle Canarie e altri prodotti locali che per l’approvvigionamento delle isole.

Sono in gioco 70 milioni di euro per gli agricoltori delle isole.

Questo è l’importo che le Canarie potrebbero perdere per il settore primario se, prima della fine dell’anno, il Consiglio dell’Unione Europea (UE) decidesse di tagliare del 3,9% il finanziamento complessivo del Programma di Opzioni Specifiche per la Distanza e l’Insularità (Posei) per i prossimi sette anni.

Se si verificasse questo scenario, gli agricoltori, gli allevatori, l’onnipotente sotto-settore delle banane o gli importatori vedrebbero ridursi le risorse pubbliche fondamentali per dedicarsi ad un’attività già colpita dalla pandemia, a causa delle caratteristiche di territorio ultraperiferico o della concorrenza di prodotti provenienti dall’esterno delle isole.

Perdere un solo euro di questo programma è inaccettabile per il settore.

Per questo motivo, il Ministero dell’Agricoltura, dell’allevamento, della pesca e delle acque del governo delle Canarie, insieme alle aree del settore primario delle regioni ultraperiferiche (RUP) del Portogallo e della Francia, nonché l’Associazione europea dei produttori di banane e piante da frutto (APEB) e altre organizzazioni agricole come COAG o ASAGA, hanno deciso di formare un fronte comune fino alla fine dell’anno, quando il Consiglio d’Europa prenderà la decisione finale, che sarà mantenuta fino al 2027.


Tutto questo dopo che il commissario europeo per l’agricoltura, Janusz Wojciechowski, ha dichiarato che il “modesto” taglio proposto nel 2018 sarà mantenuto.

Questa proposta, che prevede un taglio di 10 milioni di euro all’anno, è stata suggerita nel luglio 2018 dalla Commissione Europea in vista dell’uscita del Regno Unito dall’UE.

In quell’anno l’organo legislativo ha elaborato le sue raccomandazioni sulla futura politica agricola comune (PAC), che coprirà un periodo di sette anni dal 2021 al 2027.

I prossimi due anni, tuttavia, quello attuale sarà prorogato come transizione fino all’entrata in vigore del nuovo accordo, anche se soggetto a modifiche, come l’introduzione del taglio del 3,9%.

Ma anche l’attuale scheda UE per Posei Canario non è sufficiente a raggiungere gli obiettivi del programma per consentire agli isolani di accettare un taglio.

In totale, 268,4 milioni di euro sono destinati ad agricoltori (27,6 milioni), allevatori (27,8 milioni), produttori di banane (141,1 milioni) e importatori (62 milioni).

Questi ultimi sono sostenuti dall’altra parte del programma: il Regime specifico di approvvigionamento (REA), un meccanismo concepito dall’UE per applicare aiuti diretti a determinati prodotti del vecchio continente o per eliminare le tariffe per quelli provenienti da paesi terzi.

Dal 2007 questa cifra è stata congelata, anno in cui l’UE ha autorizzato l’inserimento di una scheda aggiuntiva finanziata dai governi spagnolo e canario, anche se ora è interamente coperta dallo Stato. Tale voce è stata concordata per 25 milioni di euro nel 2020; di cui 16,3 milioni per la produzione vegetale e 8,6 milioni per la produzione animale.

L’Associazione delle organizzazioni di produttori di banane delle Canarie (Asprocan), che fa parte dell’APEB, stima che nel 2027, anno in cui termina il periodo settennale della nuova PAC, “l’aumento dei costi per il settore sarà superiore al 20%” e ipotizzare questo scenario con 70 milioni di euro in meno “è del tutto insostenibile”.

E la banana delle Canarie sarebbe “condannata”, perché oltre a questo, dovrebbe competere con le banane dei Paesi terzi, che hanno un prezzo “molto più basso” e sono state favorite da “una riduzione tariffaria senza l’obbligo di rispettare le norme di sicurezza europee, che è più esigente per la produzione europea”.

Ridurre i 141 milioni stanziati per i frutti dell’isola ne renderebbe impossibile la sopravvivenza, secondo l’organizzazione, che considera addirittura tale stanziamento “insufficiente”.

A questo proposito, Asprocan mantiene un’unica posizione: continuare a negoziare con l’UE affinché i fondi non vengano tagliati.

“Non è la prima volta che negoziati di questa importanza vengono risolti all’ultimo minuto e l’importante è che tutti noi ci concentriamo sul continuare a lavorare insieme per difendere la sopravvivenza agricola delle nostre isole”.

Il Posei è destinato alle regioni ultraperiferiche della Spagna (Isole Canarie), del Portogallo (Portogallo e Azzorre) e della Francia (Guadalupa, Guyana francese, Martinica, Mayotte, Reunion e Saint Martin), per compensare la loro insularità, la lontananza, la superficie limitata o l’impatto del clima, che le pone in una posizione di svantaggio sul mercato estero.

L’UE compensa annualmente questi svantaggi delle RUP con l’obiettivo di mantenere le attività agricole esistenti, di evitare danni al paesaggio tradizionale e all’ambiente dovuti all’abbandono delle campagne, di promuovere l’autosufficienza o di facilitare l’accesso ad altri mercati di produzione, nonché di poter garantire l’approvvigionamento di alcuni prodotti essenziali attraverso le importazioni, in quanto non è possibile ottenerli in questi territori.