Il tempo libero e il settore alberghiero e della ristorazione, che sono stati duramente colpiti in Grecia, Danimarca, Regno Unito e Portogallo.

Paesi europei come la Grecia, la Danimarca e i Paesi Bassi hanno adottato misure più restrittive contro il coronavirus, mentre altri stanno studiando la loro adozione, e Madrid ha annunciato limitazioni, soprattutto in materia di mobilità, che riguardano la regione e la città.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), che ha esortato i Paesi del pianeta in generale a non arrendersi e a mantenere gli sforzi nella lotta contro la pandemia, quando nel mondo ce ne sono già più di 30 milioni – 0,4% sulla popolazione mondiale.

Nonostante gli oltre 300.000 casi positivi in una sola settimana, il numero di morti in Europa in questa seconda ondata è molto basso, quasi inesistente.

SPAGNA

La Spagna ha già 640.040 e 30.495 morti dall’inizio della pandemia e Madrid ne concentra una buona parte, circa 192.000 e più di 15.760 dall’inizio della crisi sanitaria.


In considerazione di questa situazione, il governo regionale di Madrid ha annunciato nuove misure che entreranno in vigore lunedì, in particolare la limitazione della mobilità nelle 37 zone più colpite, i cui abitanti (più di 850.000) potranno recarsi in altri luoghi solo per lavorare e adempiere agli obblighi legali o educativi.

Inoltre, gli incontri saranno limitati da dieci o solo sei persone, ci sarà una riduzione generale della capacità dei locali al 50% e un anticipo dell’orario di chiusura e saranno effettuati un milione di test.

DANIMARCA

Il governo danese sta estendendo le restrizioni finora imposte a Copenhagen a tutto il paese, in linea di principio fino al 4 ottobre, in modo che i bar e i ristoranti siano generalmente chiusi alle 22.00.

Inoltre, sarà obbligatorio indossare una mascherina quando si entra nei locali fino a quando non ci si siede.

I raduni non possono superare le 50 persone, ad eccezione degli eventi organizzati con una certa capacità e laddove siano state adottate misure igieniche adeguate.

Si raccomanda il telelavoro il più possibile e i contatti sociali dovrebbero essere ridotti al minimo.

GRECIA

Per la seconda volta in tre giorni, il governo greco ha annunciato nuove restrizioni nella regione della capitale, tra cui l’obbligo di lavorare a distanza per il 40% dei lavoratori in tutte le aziende pubbliche e private e l’organizzazione dell’arrivo dei dipendenti in quattro gruppi.

Tutti i concerti sono sospesi e i cinema sono chiusi tranne quelli estivi, anche se i teatri potranno aprire le loro porte, anche se con una capacità massima del 50%.

Inoltre, sarà consentito un massimo di nove persone in tutti i tipi di incontri, pubblici o privati, e la capienza massima delle cerimonie (matrimoni, funerali, ecc.) sarà ridotta da 50 a 20 persone.

PAESI BASSI

Di fronte a solo 2.000 positivi giornalieri, i Paesi Bassi hanno annunciato oggi nuove misure, come la chiusura di bar e ristoranti all’1 di notte nella parte occidentale del paese e limiti di capacità del 50%.

Le misure riguardano solo sei regioni dell’ovest del Paese – con città come Amsterdam, Rotterdam, Utrecht, Haarlem e L’Aia – dove la strategia finora applicata è stata limitata, come nel resto del Paese, all’allontanamento sociale, senza maschere obbligatorie se non nei trasporti pubblici e con le scuole aperte in una situazione normale per un mese.

REGNO UNITO

Il primo ministro britannico Boris Johnson considera “inevitabile” una “seconda ondata” del coronavirus, come in altri Paesi europei, per cui il suo governo sta valutando la possibilità di varare nuove restrizioni nazionali alla mobilità.

Per Johnson, è una priorità “mantenere le scuole aperte” e “tutte le parti dell’economia aperte il più possibile”.

Ore prima, il ministro della Salute britannico Matt Hancock ha ammesso che il governo conservatore non escludeva la possibilità di un secondo contenimento nazionale del coronavirus, anche se questa sarebbe stata l'”ultima risorsa”. (pare che nelle ultime ore siano stati messi in lockdown circa 10 milioni di persone)

FRANCIA

In seguito alle restrizioni sulle riunioni pubbliche di Bordeaux e Marsiglia, città francesi come Lione e Nizza si preparano a intraprendere ulteriori azioni di fronte ai progressi “dinamici e preoccupanti” di COVID, il cui tasso di nuovi casi è tre o quattro volte superiore al livello di allerta di 50 casi ogni 100.000 abitanti.

Le misure dovrebbero essere paragonabili a quelle attuate a Bordeaux e Marsiglia il fine settimana precedente: il divieto di riunioni di più di dieci persone in spazi pubblici, la riduzione a 1.000 persone al limite della partecipazione ad eventi pubblici, l’annullamento di grandi eventi e altre raccomandazioni come la sospensione dei matrimoni o la limitazione delle visite alle case geriatriche.

ISRAELE

Con l’inizio di un secondo blocco nazionale a poche ore di distanza, le autorità avvertono che potrebbero stringere ulteriormente le restrizioni se la curva non si appiattisce.

Israele ha raggiunto uno dei tassi di infezione più alti del mondo questo mese.

Dopo aver evitato severe restrizioni negli ultimi mesi e aver tentato di abbassare la curva senza misure drastiche, la pandemia rimane incontrollata e le autorità hanno decretato un riconfinamento generale che è iniziato ieri alle 14:00 ora locale e durerà almeno tre settimane.

BELGIO

Il Consiglio di sicurezza nazionale belga, che decide le misure da attuare in base alla situazione epidemiologica, si riunirà mercoledì prossimo e avrà sul suo tavolo dati che indicano che le nuove infezioni e i ricoveri ospedalieri dovuti al covid in Belgio continuano ad accelerare e il tasso di infezioni per 100.000 abitanti tra il 1° e il 14 settembre ha raggiunto 93,9 casi, un aumento del 66% rispetto alle due settimane precedenti.

Bruxelles-Capitale registra in media 209 nuovi casi al giorno, con un aumento di quasi il 50% rispetto alla settimana precedente, anche se è la provincia di Liegi a mostrare la maggiore ripresa, quasi triplicando il tasso della settimana precedente. L’aumento delle infezioni in Belgio nel suo complesso è visibile “in tutte le fasce d’età”, soprattutto tra i ragazzi di 10-19 anni, dove il numero di casi positivi “è raddoppiato nell’ultima settimana”, e anche tra gli ultra sessantenni, tra i quali “i casi gravi sono chiaramente più elevati”.

GERMANIA

Il ministro della Salute tedesco Jens Spahn ha invitato la popolazione ad assumersi la responsabilità dell’aumento delle infezioni quotidiane nel Paese, con quasi 2.000 infezioni nelle ultime 24 ore.

Ha ricordato che insieme e “con grande sforzo” è stato possibile controllare le dinamiche del crescente numero di nuove infezioni in relazione al ritorno nel Paese dei viaggiatori con destinazioni di vacanza all’estero.

Ora, l’aumento di nuove infezioni ha la sua origine all’interno del Paese, proprio in eventi “in cui questo virus, come gli altri virus, è particolarmente ben trasmesso”, come celebrazioni, feste di famiglia, matrimoni, riunioni religiose e possibilmente in piccoli spazi.

REPUBBLICA CECA

La Repubblica Ceca, con 3.130 nuove infezioni nelle ultime 24 ore, ha registrato il più alto numero di COVID positivi dall’inizio della pandemia. A partire da oggi, gli eventi di gruppo sono vietati negli spazi pubblici al coperto con più di 10 persone in piedi, ad eccezione di mostre e mercati.

Anche da oggi è obbligatorio indossare una mascherina nelle scuole, comprese le aule dove si tengono le lezioni.

PORTOGALLO

In vista dell’aumento dei casi positivi e dei timori che il Portogallo superi i mille casi al giorno la prossima settimana, il gabinetto di crisi del coronavirus si riunirà per la prima volta da giugno in un paese in stato di emergenza da martedì scorso.

Il primo ministro portoghese, il socialista António Costa, ha chiesto responsabilità e cautela ai cittadini e ha insistito sulla distanza sociale, sull’uso delle maschere e sull’igiene delle mani.

I governi di Portogallo e Spagna hanno escluso un’ulteriore chiusura della frontiera comune a causa del COVID.