Il municipio e il consiglio comunale iniziano lo sfratto degli insediamenti illegali di Diego Hernandez a La Caleta

Si tratta di porre fine a una pratica che danneggiava un sito naturale di interesse scientifico.

Il Cabildo di Tenerife, insieme al Comune di Adeje, al Governo delle Isole Canarie, alla Delegazione del Governo e alla Costa, ha partecipato oggi, martedì 14 luglio, al dispositivo per lo sfratto e la bonifica dell’area di Diego Hernández, un sito naturale protetto per il suo interesse scientifico, occupato da tempo da un insediamento di persone.

Tutte le amministrazioni citate hanno lavorato per mesi a questa azione che va oltre l’azione odierna, poiché l’intenzione è quella di mantenere la sorveglianza di quest’area protetta in modo che gli insediamenti non si ripetano.

Il Cabildo di Tenerife ha supervisionato dalle sette di questa mattina i lavori di sfratto degli insediamenti illegali di La Caleta de Adeje, un dispositivo composto da 105 persone che è stato coordinato dalla corporazione dell’isola e al quale hanno partecipato il Consiglio Comunale di Adeje, il Governo delle Canarie, la Delegazione del Governo e le coste.

Troviamo un insediamento per lo più di cittadini stranieri, che hanno preso questo come una sorta di hobby e, in misura minore, persone dell’isola, ma in ogni caso stanno attaccando uno spazio naturale, stanno lasciando spazzatura abbandonata, costruendo capanne e in qualche modo hanno distrutto gran parte di uno dei tesori che abbiamo sull’isola di Tenerife.


La pulizia dell’ambiente richiederà diverse settimane, ma siamo sulla strada giusta. Vogliamo fare appello alla società nel senso che queste aree naturali appartengono a tutti, e tra tutti noi dobbiamo rispettare il loro uso e la loro manutenzione, prima di tutto per il loro alto valore ecologico, ma anche perché tutti i cittadini possano godere di questo ambiente a parità di condizioni.

“Abbiamo stabilito una procedura di notifica preventiva, in quanto la legge obbliga queste persone a lasciare il luogo, che in alcuni casi sono abitazioni abituali, in modo che abbiano il tempo di cercare un’altra sistemazione o un alloggio alternativo. Una volta avvisati e con un termine di 10 giorni per cercare un altro alloggio, oggi abbiamo proceduto alla pulizia e allo svuotamento della spiaggia”.

Nei prossimi giorni procederemo a rimuovere la spazzatura e le cose lasciate dopo lo sfratto con il personale di GESPLAN e del Cabildo.

Oggi hanno partecipato in totale 58 persone e domani se ne aggiungeranno altre 25. Sono stati collocati tre contenitori in cui saranno collocati i rifiuti per separarli adeguatamente con il personale del Comune.

L’Assessore alla Sicurezza di Adeje, Mercedes Vargas Delgado, che si è recata sul posto anche per supervisionare le procedure, ha sottolineato il buon coordinamento che è stato articolato per effettuare lo sfratto e la pulizia e ha aggiunto che “la successiva sorveglianza permanente è il fattore fondamentale di questa operazione.

Questo è ciò che può garantire il successo dell’intero processo. È un lavoro piuttosto duro, soprattutto per quanto riguarda la rimozione e la classificazione dei rifiuti, perché si tratta di una zona ripida dove ci sono insediamenti a diverse altezze”.

dalla Redazione