Il comune chiude il 2018 con 3.056 disoccupati, la cifra più bassa dell’ultimo decennio

La città turistica continua a creare occupazione e ha consolidato il suo trend positivo in termini di creazione di posti di lavoro, su base regolare e senza accentuare la stagionalità del settore turistico.

Secondo i dati dell’Observatorio Canario del Empleo y la Formación Profesional (OBECAN), il numero totale di disoccupati a Puerto de La Cruz a fine anno era di 3.056, 272 in meno rispetto al 2017, di cui 1.720 donne e 1.336 uomini.

L’evoluzione del numero di disoccupati nel corso del 2018 mostra una continua tendenza al ribasso nella città turistica.

Il sindaco di Puerto, Lope Afonso, ha valutato positivamente questi dati incoraggianti, che riflettono “il miglioramento che Puerto de La Cruz sta vivendo nel settore turistico”, che rimane “il motore della crescita economica del comune e delle isole.

La ristrutturazione dell’impianto alberghiero, grazie a strumenti come il Piano di modernizzazione (PMM), sviluppato dal Consorzio, le nuove aperture nel settore commerciale, i progetti futuri e, in generale, il clima di stabilità che si respira in città, ci rende sicuri che “i dati sulla disoccupazione continueranno a migliorare gradualmente”, ha detto il Sindaco.


Il settore turistico è all’avanguardia nella creazione di posti di lavoro.

Dicembre si chiude con un totale di 1.310 nuovi contratti.

I settori economici in cui si concentra il maggior numero di contratti generati sono quelli dell’ospitalità con 763 nuovi contratti, essendo questo il settore leader nella creazione di posti di lavoro nel comune, il commercio con 128, l’edilizia con 28 e, infine, il resto delle attività che porta 379 nuovi contratti.

I settori che hanno generato meno contratti sono quelli con il minor peso nell’attività economica della città, come l’agricoltura e l’industria, con 2 e 10 nuovi contratti rispettivamente.

Persone in cerca di lavoro attraverso la formazione

Il gruppo più numeroso di persone in cerca di lavoro corrisponde a persone con istruzione primaria e secondaria con rispettivamente 1.647 e 1.061 persone in cerca di lavoro.

I disoccupati con istruzione universitaria rappresentano il terzo gruppo che ha più persone in cerca di lavoro nella città turistica con 181, e, infine, coloro che hanno studi di formazione professionale con 166 persone.

Redazione